Vai al contenuto

Benvenuti sul nostro Forum!

Accedi o Registrati per avere pieno accesso alla nostra community bianconera.

Lothar

Registrazione 29 nov 2006
Offline Ultima Attività mar 04 2018 11:26
-----

Discussioni che ho iniziato

Agnelli Eletto Presidente Eca

05 settembre 2017 - 13:06

Rilancio post di Gustavo

Da repubblica.it

Agnelli è il nuovo presidente di tutti i club d'Europa

Andrea Agnelli è il nuovo presidente dell'Eca (European Club Association).

L'elezione è avvenuta stamane a Ginevra. Il presidente della Juventus succede a Karl-Heinz Rumenigge, al vertice dell'associazione dalla sua fondazione, nel 2008. Agnelli da cinque anni era nel board dell'Eca, da due nel consiglio direttivo della Uefa. Adesso questa carica importantissima, prestigiosa (per lui e per il calcio italiano). L'Eca è la controparte delle Federazioni, dialoga con Fifa e Uefa (che ora non possono più snobbarla) su tutti i temi che riguardano lo sviluppo del calcio, dalle assicurazioni dei giocatori al format delle Coppa europee. Agnelli da sempre ha avuto una visione globale, si ispira agli sport Usa, è convinto che il calcio europeo (e quindi, di riflesso, anche italiano) possa avere ancora ampi margini di sviluppo. Dell'Eca fanno parte 220 club (9 italiani), di 53 Nazioni. Agnelli ha fatto un'ottima campagna elettorale a Montecarlo, di recente, e poi ha avuto il pieno appoggio di Rummenigge. Per questo ha sbaragliato il campo. Ora lo aspetta, il 15 settembre a Roma, la partita con il procuratore federale Pecoraro che chiederà una squalifica per la controversa storia dei biglietti agli ultrà. La Juve spera di cavarsela con una forte ammenda ma sarà difficile, almeno in primo grado. Agnelli, comunque, anche in caso di squalifica non avrebbe problemi internazionali mentre in campo italiano, in Lega ad esempio, si farebbe rappresentare da Marotta.

Ma adesso è il momento di festeggiare. Domani, a Milano, un'altra tappa importante: Fassone, ad del Milan, è stato l'abile mediatore che ha messo a confronto Agnelli e Lotito, due nemici, e ha fatto siglare loro un patto. I club italiani oggi hanno appoggiato compatti la candidatura di Agnelli e Lotito tornerà in consiglio federale (forse con Campedelli o Pozzo più che Marotta), Fassone sarà il vicepresidente mentre il n.1 della Lega maggiore sarà Marco Brunelli. Lui è un manager e si sente tale: non smania per avere questa carica, anche perché è ialtri fronti (vedi ad esempio i diritti tv). Ma di sicuro è il più preparato di tutti, conosce il calcio internazionale, insegna all'Università di Parma-San Marino ed è fortemente impegnato anche nel sociale (bellissima l'iniziativa che aveva presentato mesi fa al Senato). L'uomo giusto se si vuole davvero dare alla Lega un'impronta manageriale. Ma Malagò è assai perplesso. "Un presidente ponte in Lega A? Il commissario è stato istituito perché c'era un'impasse dovuta a evidenti impedimenti di carattere statutario; se questo discorso a distanza di oltre 4 mesi ritorna come prima e più di prima, onestamente, c'è qualcosa che non quadra".

Chi In Com. Antimafia: "canto Juve M****, La Fiat Paga Arbitri. Juve Riceve Favor...

29 marzo 2017 - 07:26