Vai al contenuto

Benvenuti sul nostro Forum!

Accedi o Registrati per avere pieno accesso alla nostra community bianconera.

Foto

FILM & CINEMA


  • Per cortesia connettiti per rispondere
1167 risposte a questa discussione

#1 ONORE ALLA TRIADE

ONORE ALLA TRIADE

    GIÙ LE MANI DALLA JUVE!

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 53786 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Giulemani City
  • Interessi:JUVENTUS
    GIUleMANIdallaJUVE

Inviato 06 settembre 2010 - 15:09

GIUSTIZIA PRIVATA
Clyde Shelton (Gerard Butler) devoto padre di famiglia e cittadino modello assiste all’omicidio della moglie e della figlia per mano di due ladri. I due malviventi vengono catturati ma a causa di un patto scellerato tra l’avvocato della difesa e il procuratore distrettuale (Jamie Foxx), il peggiore dei due viene rimesso in libertà. Clyde decide che vendicarsi di un solo criminale non basta: è tutto il sistema americano che deve pagare per questa macroscopica ingiustizia. Con oltre 120 milioni di dollari di incasso nel mondo “Giustizia privata” ha sorpreso critici e pubblico con la sua miscela di action mozzafiato e riflessioni etiche importanti.

I MERCENARI - THE EXPENDABLES
Barney Ross (Stallone) è il capo di una gang internazionale di mercenari chiamata The Expendables (I Sacrificabili). È un uomo che non ha niente da perdere, non prova emozioni né paura, è un leader e uno stratega che vive ai margini della società. Le uniche cose a cui è legato sono un camioncino, un idrovolante e la sua squadra di mercenari composta da Lee Christmas (Jason Statham), Yin Yang (Jet Li) ex reduce del Vietnam ed esperto delle arti marziali, Hale Caesar (Terry Crews) esperto di armi, Toll Road (Randy Couture) esperto di esplosivi e Gunnar Jensen (Dolph Lundgren), espulso dal team a causa della sua dipendenza dalle droghe e per lo scarso rispetto per l`autorità. Si tratta di una gang che vive nell`ombra e agisce dove nemmeno gli agenti del governo intervengono, uccidendo solo chi devono uccidere. Un giorno un certo Church (Bruce Willis), che vuole vendicarsi, arruola il gruppo per rovesciare un sanguinario dittatore del Sud America, il generale Garza, colpevole della morte della figlia. L`impresa sebbene gli Expendables siano molto preparati sarà molto difficile in quanto avranno alle calcagna l`agente della CIA Monroe (Eric Roberts), la sua guardia del corpo Dan Paine (Steve Austin) ex Marine, un ex Expendables La Brit (Gary Daniels) e tutto l`esercito del generale. In più dovranno affrontare il capitano di un gruppo di pirati somali (Amin Joseph). Altri ruoli sono affidati a: Charisma Carpenter (Lacy) la fidanzata di Lee, Mickey Rourke (Tool) un commerciante d`armi e amico di lunga data di Barney, Giselle Itié (Sandra) una giovane donna nativa dell`isola, Nick Searcy (Will Sands) un altro agente, e Arnold Schwarzenegger in un cameo (Trench), Trench è un ex rivale di Ross.

SHREK E VISSERO FELICI E CONTENTI
Dopo aver sfidato un drago molto cattivo, liberato una bella principessa e salvato il regno dei suoceri, cos’altro può fare un orco? Adattarsi a diventare un perfetto uomo di casa che si occupa della famiglia? Invece di spaventare gli abitanti del villaggio come era solito fare, il riluttante Shrek è ormai una celebrità locale. Una specie di orco ammaestrato. Ma che cosa è successo al suo ruggito che faceva scappare via tutti i villani? Nostalgico dei giorni in cui, più giovane, si sentiva un ``vero orco`` Shrek accetta di firmare un patto con il viscido e malefico Tremotino che, immediatamente, lo catapulta in una contorta realtà alternativa di Molto Molto Lontano, dove gli orchi sono ricercati, Tremotino è Re con un esercito di streghe al suo comando, e Shrek e Fiona nemmeno si conoscono. Fiona è a capo di un movimento di ribelli, nemmeno Ciuchino riconosce Shrek, e il Gatto con gli Stivali è così grasso che non si regge nemmeno sulle zampe. Non sarà facile per Shrek riportare tutto alla normalità, ripristinare il suo mondo, salvare i suoi amici, e reclamare il suo unico vero amore.

#2 BiancoeNero

BiancoeNero

    Rancoroso

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 35298 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Interessi:Juventus

Inviato 07 settembre 2010 - 13:40

I mercenari:
L'ho visto ieri sera...
Premetto subito che è il classico minestrone all'americana, tanta azione (forse troppa Content_33.gif ) accompagnata da una buona recitazione...
Il film è godibile, divertente, spensierato...l'inizio soprattutto è ottimo... buona trama, buona sceneggiatura...
dialoghi leggeri e divertenti !!
Non è un kolossal e non ha neanche la pretesa di esserlo, quindi...
Un 6 e 1/2 lo merita tutto, belle scene di azione con effetti speciali azzeccati...
il difetto maggiore, il finale, Sly forse si perde un pò allungandolo troppo...
Cameo di spessore: Bruce Willis e Arnold Schwarzenegger!!
Ottimo Mickey Rourke, nel ruolo di un vecchio amico-saggio tatuista ed ex mercenario, tenebroso buono ma brutto e tanto sporco...
Grande Stallone al solito come protagonista attore un pò meno come regista...
Divers_20.gif

#3 ONORE ALLA TRIADE

ONORE ALLA TRIADE

    GIÙ LE MANI DALLA JUVE!

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 53786 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Giulemani City
  • Interessi:JUVENTUS
    GIUleMANIdallaJUVE

Inviato 07 settembre 2010 - 16:35

NIGHTMARE

Un gruppo di adolescenti è tormentato e decimato dal misterioso Freddy Krueger, un killer terribilmente sfigurato che appare e gli dà la caccia nei loro sogni. Addormentarsi può essere fatale e l`unica speranza di salvezza è nel restare svegli. Nato 26 anni fa grazie al talento visionario di Wes Craven, Freddy Kruger fu portato sullo schermo dall`attore Robert Englund. Adesso il nuovo Freddy è interpretato da Jackie Earle Haley (candidato all’Oscar per “Little Children”, indimenticabile Rorschach in “Watchmen”, malato di mente in “Shutter Island”), specializzato per la sua fisicità in ruoli bordeline: pedofilo, assassino, vigilante. Alla regia c’è Samuel Bayer, 48 anni, proveniente dai videoclip. Ha firmato video per artisti come i Nirvana “Smell Like Teen Spirit”, per Melissa Etheridge, Green Day, David Bowie, Rolling Stones, Sheryl Crowe, Natalie Imbrugia, Justin Timberlake. Nightmare è un “reboot” come dicono gli inglesi, ovvero un riavvio di una saga che ha fatto storia. “Non è un remake”, spiega il regista “e soprattutto spero che il pubblico e la critica non mi dica che assomiglia ad un videoclip. Questo è un film horror fatto con tutti i crismi del genere. Il mio Freddy è meno ironico degli ultimi interpretati dal grandissimo Englund: è un assassino più spietato. Per me Freddy deve fare paura e basta. È l’uomo nero, quello di cui ti raccontano le leggende. Il protagonista di favole non censurate”. Oltre a Haley nel cast un gruppo di giovanissimi attori (come avvenne per quello di Craven, dove c’era un ancora sconosciuto Johnny Depp), con Kyle Gallner, Rooney Mara (che vedremo in “The Social Network” di David Fincher), Katie Cassidy, Thomas Dekker e Kellan Lutz (ovvero Emmett Cullen della saga di “Twilight”).

#4 ONORE ALLA TRIADE

ONORE ALLA TRIADE

    GIÙ LE MANI DALLA JUVE!

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 53786 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Giulemani City
  • Interessi:JUVENTUS
    GIUleMANIdallaJUVE

Inviato 08 settembre 2010 - 15:46

SOMEWHERE

Johnny Marco (Dorff) è un celebre attore di cinema che conduce una vita di eccessi, soggiornando nel leggendario hotel Chateau Marmont sul Sunset Boulevard a Hollywood. I suoi giorni si alternano in una foschia dovuta da troppo alcool, droghe, ragazze, auto sportive e folle di fan acclamanti. Avvolto in questo mondo artificiale indotto dalla sua celebrità, Johnny ha perso qualsiasi contatto con se stesso e con la realtà. Fino a quando l’uomo riceve la visita inaspettata della figlia 11enne Cleo. La vicinanza inizialmente forzata con la piccola, seppure nella cornice del magnifico hotel e dopo un viaggio insieme a Milano, lo costringe a riesaminare la sua esistenza senza concedersi alcun alibi.

#5 ClaD

ClaD

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4450 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 09 settembre 2010 - 08:49

QUOTE(BiancoeNero @ 7 September 2010, 14:40) Visualizza Messaggio

I mercenari:
L'ho visto ieri sera...
Premetto subito che è il classico minestrone all'americana, tanta azione (forse troppa Content_33.gif ) accompagnata da una buona recitazione...
Il film è godibile, divertente, spensierato...l'inizio soprattutto è ottimo... buona trama, buona sceneggiatura...
dialoghi leggeri e divertenti !!
Non è un kolossal e non ha neanche la pretesa di esserlo, quindi...
Un 6 e 1/2 lo merita tutto, belle scene di azione con effetti speciali azzeccati...
il difetto maggiore, il finale, Sly forse si perde un pò allungandolo troppo...
Cameo di spessore: Bruce Willis e Arnold Schwarzenegger!!
Ottimo Mickey Rourke, nel ruolo di un vecchio amico-saggio tatuista ed ex mercenario, tenebroso buono ma brutto e tanto sporco...
Grande Stallone al solito come protagonista attore un pò meno come regista...
Divers_20.gif


L'ho visto, come direbbe un celebre personaggio interpretato da P. Villaggio "Una cagata pazzesca" Content_33.gif Content_33.gif
Il mio giudizio fa poco testo cmq è un genere che non mi piace proprio.

Ieri sera ho visto un bel filmettino molto molto gradevole:

Lezioni di Cioccolato

Regia: Claudio Cupellini
Sceneggiatura: Fabio Bonifacci - Christian Poli
Fotografia: Giovanni Cavallini
Montaggio: Danilo Torre

Anno: 2007
Produzione: Cattleya
Distribuzione: Universal Pictures
Data uscita in Italia: 23 Novembre 2007
Genere: Commedia/Sentimentale

Trama:
Un concorso per inventare un nuovo cioccolatino è l’unica occasione che Mattia, geometra in carriera, ha per evitare di essere denunciato dal suo operaio “in nero” Kamal: l’egiziano, infatti, fratturatosi in un cantiere a causa delle condizioni di scarsa sicurezza, costringe il suo datore di lavoro a sostituirlo nel corso di pasticceria che prevede, per il migliore, l’ottenimento di una somma di denaro sufficiente a mettersi in proprio…Sono stati scelti 6 gourmet dilettanti ma già esperti che, guidati da un Maestro d'Arte Cioccolatiera...
A Mattia non resta che camuffarsi da immigrato musulmano: tra gag esilaranti e ricette da capogiro, Mattia avrà modo di scoprire il dialogo fra culture diverse.

#6 ONORE ALLA TRIADE

ONORE ALLA TRIADE

    GIÙ LE MANI DALLA JUVE!

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 53786 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Giulemani City
  • Interessi:JUVENTUS
    GIUleMANIdallaJUVE

Inviato 10 settembre 2010 - 13:03

LA SOLITUDINE DEI NUMERI PRIMI

Alice è una bambina obbligata dal padre a frequentare la scuola di sci. È una mattina di nebbia fitta, lei non ha voglia, il latte della colazione le pesa sullo stomaco. Persa nella nebbia, staccata dai compagni, se la fa addosso. Umiliata, cerca di scendere, ma finisce fuori pista spezzandosi una gamba. Resta sola, incapace di muoversi, al fondo di un canale innevato, a domandarsi se i lupi ci sono anche in inverno. Mattia è un bambino molto intelligente, ma ha una gemella, Michela, ritardata. La presenza di Michela umilia Mattia di fronte ai suoi coetanei e per questo, la prima volta che un compagno di classe li invita entrambi alla sua festa, Mattia abbandona Michela nel parco, con la promessa che tornerà presto da lei. Questi due episodi iniziali, con le loro conseguenze irreversibili, sono il marchio impresso a fuoco nelle vite di Alice e Mattia, adolescenti, giovani e infine adulti. Le loro esistenze si incroceranno, e si scopriranno strettamente uniti, eppure invincibilmente divisi. Come quei numeri speciali, che i matematici chiamano ``primi gemelli``: due numeri primi vicini ma mai abbastanza per toccarsi davvero. Saverio Costanzo ha trovato una straordinaria consonanza nel romanzo d`esordio, vincitore del Premio Strega di Paolo Giordano. Una storia che alterna momenti di durezza e spietata tensione a scene rarefatte e di trattenuta emozione, di sconsolata tenerezza e di tenace speranza

#7 Edgar 74

Edgar 74

    induzioni mentali stimolate da pensieri inversi

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 56843 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:gli altarini di Gala
  • Interessi:Impara l'arte e mettila da parte

Inviato 10 settembre 2010 - 15:21

IL GRANDE LEBOWSKY. di Joel e Ethan Coen

Straordinario John Goodman metal2.gif metal2.gif metal2.gif

#8 Juve 1897-2006

Juve 1897-2006

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17529 messaggi
  • Sesso:Non so/indeciso

Inviato 10 settembre 2010 - 15:29

QUOTE(Edgar 74 @ 10 September 2010, 16:21) Visualizza Messaggio

IL GRANDE LEBOWSKY. di Joel e Ethan Coen

Straordinario John Goodman metal2.gif metal2.gif metal2.gif


non per niente il protagonista si fa chiamare...DRUGO! metal2.gif metal2.gif

#9 ONORE ALLA TRIADE

ONORE ALLA TRIADE

    GIÙ LE MANI DALLA JUVE!

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 53786 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Giulemani City
  • Interessi:JUVENTUS
    GIUleMANIdallaJUVE

Inviato 10 settembre 2010 - 15:42

QUOTE(Juve 1897-2006 @ 10 September 2010, 16:29) Visualizza Messaggio

non per niente il protagonista si fa chiamare...DRUGO! metal2.gif metal2.gif


A proposito...

ARANCIA MECCANICA
In Inghilterra, nella zona della Grande Londra[3][4][5][6][7][8], nel vicino futuro preconizzato dall'autore negli anni '60 (forse non troppo dopo il 1995[9]) vive Alexander DeLarge (o Alexander Burgess come appare in effetti nei titoli di un quotidiano verso la fine del film). Alex è un eccentrico, antisociale ed intelligente capo della banda dei Drughi[10] (nella versione originale Droog dal Russo друг, ovvero amico) composta da lui, Georgie, Dim e Pete; i Drughi trascorrono il tempo dedicandosi al sesso, furti ed ultraviolenza - termine con cui Alex indica le estreme violenze gratuite perpetrate dalla sua banda.
Nella scena iniziale del film viene introdotta la banda dei Drughi, seduti al Korova Milk Bar sorseggiando lattepiù, ovvero latte addizionato con droghe come anfetamina, mescalina ed LSD, indispensabile a loro dire, per esercitare della buona e vecchia ultraviolenza.
La stessa notte la gang prende a calci e bastona in gruppo un inerme barbone ubriaco, affronta in una rissa una banda rivale vestita con divise da SS, scorrazza per le strade di campagna a bordo di una fuoriserie rubata, una fiammante Durango del '95, provocando caos e incidenti, ed infine pratica quello che Alex DeLarge chiama "il numero della visita a sorpresa", che consiste nel recarsi in una casa - questa volta si tratta della casa dello scrittore Frank Alexander - convincere gli abitanti ad aprire con una scusa e quindi esercitare l'ultraviolenza; Alex, aiutato dai Drughi, prima malmena quasi a morte lo scrittore, spensieratamente cantando Singin' in the rain, poi stupra brutalmente la moglie davanti ai suoi occhi. Soddisfatti della serata, i Drughi si ritirano di nuovo al Korova Milk Bar.
Alex è un acceso appassionato di musica classica e soprattutto di quello che definisce affettuosamente Ludovico Van (Beethoven); nel locale Korova, frequentato da artisti e personaggi televisivi, una donna improvvisa un bel canto; quando Dim fischia sonoramente la performance della cantante, Alex si indigna per il gesto incivile e lo prende a bastonate poiché quello che la donna stava cantando era un brano della nona sinfonia di Beethoven. Dim sfida quindi Alex ad un duello con i coltelli, ma quando questi si mostra tutt'altro che impaurito, Dim si scusa dicendo di essere stanco; il gruppo torna quindi a casa. Giunto a dimora, Alex nasconde il bottino delle scorrerie del gruppo sotto il letto, e inizia quindi ad ascoltare la Nona di Beethoven, contemporaneamente immaginando epiche scene di violenza, come impiccagioni, esplosioni ed eruzioni vulcaniche.
La mattina seguente la madre sprona Alex ad andare a scuola, ricordandogli che non ci è andato mai durante la settimana; Alex risponde però che ha un terribile mal di testa e non andrà per non danneggiare la sua educazione. La madre accetta passivamente le motivazioni di Alex ed in seguito parla con il marito, chiedendosi quale lavoro notturno svolga il figlio, non potendo o volendo approfondire la questione: i genitori si dimostrano completamente impotenti.
Alzatosi da letto, Alex scopre che la madre ha fatto entrare in casa il signor Deltoid, suo ispettore giudiziario minorile. Deltoid ricorda ad Alex che è già stato pizzicato dalla polizia diverse volte e perciò deve rigare dritto; gli riferisce che la banda che Alex e i Drughi avevano pestato la sera prima è stata ritrovata in pessime condizioni: sono stati fatti i loro nomi, ma come sempre non ci sono prove per incriminarli. Alex spudoratamente tranquillizza Deltoid affermando di essersi tenuto lontano dai guai e che la polizia non è sulle sue tracce da molto tempo.
In seguito Alex esce e si reca al negozio di dischi per ritirare una sua ordinazione; al bancone vede due ragazze apparentemente minorenni e le invita a casa sua ad ascoltare della musica. Arrivati a casa, i tre hanno uno sfrenato rapporto sessuale col sottofondo del Guglielmo Tell di Gioachino Rossini. (La scena del negozio di musica si dipana nel Chelsea Drugstore di King's Road a Londra, cantato anche nella canzone dei Rolling Stones "You Can't Always Get What You Want". Tra i vari dischi esposti si possono scorgere il vinile della colonna sonora di 2001: Odissea nello spazio, Magical Mystery Tour dei Beatles e Atom Heart Mother dei Pink Floyd.[11])
Più tardi, scendendo le scale del suo condominio, Alex trova i Drughi ad aspettarlo. Dim si mostra strafottente, e Alex ricambia minaccioso le sue battute, ma Georgie lo blocca dicendogli che ci saranno delle novità, tra cui quella che Alex non dovrà sfottere più Dim; Georgie si lamenta infatti che il bottino delle scorrerie della banda finisca per la maggior parte nelle mani di Alex. Infine Georgie accenna ad un piano per la stessa notte. Camminando, Alex pensa al fatto che adesso il capo del gruppo è Georgie, mentre Dim è il suo mastino, perciò decide di ristabilire le posizioni; mentre si trovano vicino ad un canale, Alex picchia selvaggiamente i due e li getta in acqua. Dopo la rissa, il gruppo si ritrova in un pub, Alex ribadisce la sua leadership e convince Georgie a spiegargli il piano che aveva in mente.
L'idea è quella di rapinare una casa che appartiene ad una attempata direttrice di un centro dimagrante. Quella sera, arrivati alla casa, cercano di entrare con il trucco usato alla casa dello scrittore, ma la donna non apre e chiama la polizia. Alex quindi entra dalla finestra e si reca dalla donna che, dopo una lunga lotta con Alex, viene uccisa dal ragazzo con un enorme pene di ceramica.
Alex quindi esce di casa e sentendo le sirene della polizia, ordina la fuga; i Drughi però lo tradiscono colpendolo con una bottiglia di latte in faccia; il sangue lo acceca temporaneamente e Alex viene arrestato dalla polizia. In tribunale il giudice lo condanna a 14 anni per omicidio.
Portato in carcere, Alex si sente come una preda tra predatori, tra uomini più violenti e perversi di lui, ed quindi inizia a rigare dritto accattivandosi le simpatie del prete della prigione, imparando a memoria versi della Bibbia. Lì viene a conoscenza dell'iniziativa del nuovo Governo in carica, che promette la scarcerazione immediata, a patto che ci si sottoponga ad un innovativo programma di "rieducazione", il Programma Ludovico. Senza fare troppe domande, accetta tutte le condizioni e viene trasferito in un luogo popolato di medici in cui viene costretto a vedere scene di violenza su uno schermo, mentre gli effetti di una sostanza che gli viene iniettata gli fanno provare un dolore fortissimo ed una sensazione di nausea soffocante. In questo modo, nel giro di due settimane viene completamente condizionato a provare quella stessa sensazione di fronte a qualsiasi stimolo evocato nei film che aveva visto: violenza, sesso e la Nona Sinfonia di Beethoven che faceva casualmente da sottofondo in un documentario nazista.
Alex viene liberato ed il Governo esalta il Programma Ludovico, salutandolo come soluzione ai problemi della criminalità violenta e del conseguente affollamento delle prigioni. Ma Alex non ha cambiato la sua natura: è semplicemente condizionato, prova nausea e dolore quando tenta anche solo di reagire ad una violenza, e si ritrova in una società estranea: i genitori hanno affittato la sua stanza, i suoi vecchi compagni sono diventati poliziotti, e le sue vittime si vendicano. Al centro ormai di un caso politico, e trasformato nella vittima perfetta, incapace di esercitare il libero arbitrio, lo sfortunato Alex, dopo essere stato quasi affogato in un abbeveratoio dai suoi vecchi "drughi" diventati poliziotti, bussa per caso alla porta dello scrittore a cui lui stesso aveva violentato la moglie anni prima. Egli, avendo capito chi si è presentato alla sua porta (anche grazie al fatto che Alex canta ancora una volta sovrappensiero Singin' in the rain) chiama dei cospiratori politici che pongono al giovane ex capo drugo delle domande per far cadere il governo attuale (a riguardo della Cura Ludovico) e, dopo aver avuto le risposte desiderate, lo inducono al suicidio attraverso la tanto amata Nona Sinfonia di Beethoven costringendolo a lanciarsi da una finestra.
Malconcio, e di nuovo tra i medici, si risveglia da un sonno profondo, ed una psicanalista gli fa un test per verificare la sua personalità: in breve si intuisce che Alex è tornato alla fase pre-cura Ludovico. Il protagonista è stato sottoposto a un intervento al cervello per tornare normale, mentre era in stato comatoso a seguito della caduta. Conservando misteriosamente il ricordo dell'avvenuto, chiede alla psicanalista di analizzare un suo sogno ricorrente, ovvero quello in cui si vede medici lavorare con la sua scatola cranica, ma la dottoressa lo liquida sbrigativamente dicendogli che si tratta di un sogno normalissimo per chi è in via di guarigione.
Nell' epilogo, Alex riceve all'ospedale la visita del Ministro dell'Interno, preoccupato per lo scandalo causato dalla vicenda, che con atteggiamento remissivo si assicura che il ragazzo stia dalla sua parte. Alex inizia a ricattare in cambio di promesse, è disposto ad accettare tutto ma alle sue condizioni; stringe la mano al Ministro e viene poi colto da una improvvisa visione: di nuovo sesso sfrenato e violenza, di nuovo la sua adorata Nona e, finalmente, una Società che lo approva.

#10 Edgar 74

Edgar 74

    induzioni mentali stimolate da pensieri inversi

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 56843 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:gli altarini di Gala
  • Interessi:Impara l'arte e mettila da parte

Inviato 10 settembre 2010 - 17:19

QUOTE(Juve 1897-2006 @ 10 September 2010, 16:29) Visualizza Messaggio

non per niente il protagonista si fa chiamare...DRUGO! metal2.gif metal2.gif


In realtà nella versione originale era "The Dude"..., ma in italiano è stato ribattezzato "Drugo" per ovvi motivi... asd.gif

#11 Cirdan

Cirdan

    1886

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18122 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Ashburton Grove
  • Interessi:"Rock won't eliminate your problems, but it will sort of let you dance all over them"

Inviato 10 settembre 2010 - 17:28

QUOTE(ClaD @ 9 September 2010, 9:49) Visualizza Messaggio

L'ho visto, come direbbe un celebre personaggio interpretato da P. Villaggio "Una cagata pazzesca" Content_33.gif Content_33.gif
Il mio giudizio fa poco testo cmq è un genere che non mi piace proprio.

Ieri sera ho visto un bel filmettino molto molto gradevole:

Lezioni di Cioccolato

Regia: Claudio Cupellini
Sceneggiatura: Fabio Bonifacci - Christian Poli
Fotografia: Giovanni Cavallini
Montaggio: Danilo Torre

Anno: 2007
Produzione: Cattleya
Distribuzione: Universal Pictures
Data uscita in Italia: 23 Novembre 2007
Genere: Commedia/Sentimentale

Trama:
Un concorso per inventare un nuovo cioccolatino è l’unica occasione che Mattia, geometra in carriera, ha per evitare di essere denunciato dal suo operaio “in nero” Kamal: l’egiziano, infatti, fratturatosi in un cantiere a causa delle condizioni di scarsa sicurezza, costringe il suo datore di lavoro a sostituirlo nel corso di pasticceria che prevede, per il migliore, l’ottenimento di una somma di denaro sufficiente a mettersi in proprio…Sono stati scelti 6 gourmet dilettanti ma già esperti che, guidati da un Maestro d'Arte Cioccolatiera...
A Mattia non resta che camuffarsi da immigrato musulmano: tra gag esilaranti e ricette da capogiro, Mattia avrà modo di scoprire il dialogo fra culture diverse.

good.gif
Ecco come uno sconosciuto può diventare un ottimo attore...

Se ti è piaciuto Luca, ti consiglio Saturno Contro wink.gif

#12 ONORE ALLA TRIADE

ONORE ALLA TRIADE

    GIÙ LE MANI DALLA JUVE!

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 53786 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Giulemani City
  • Interessi:JUVENTUS
    GIUleMANIdallaJUVE

Inviato 13 settembre 2010 - 13:50

RESIDENT EVIL: AFTERLIFE
Anche in 3D

Quarto capitolo della saga cinematografica basata sui videogiochi survival horror della Capcom (e primo film di essa a essere distribuito in tridimensionale) “Resident Evil: Afterlife” è un fanta-horror, diretto e sceneggiato da Paul W.S. Anderson e interpretato da Milla Jovovich (che è anche sua moglie), oltre che da Ali Larter, Sienna Guillory, Spencer Locke e dalla new entry Wentworth Miller (che interpreta il ruolo di Chris Redfield). Quindi sostanzialmente stesso cast dei tre capitoli precedenti, cosa che rappresenta uno dei punti di forza del film. La trama è molto più fedele al videogioco rispetto al capitolo precedente, anche se l’utilizzo della tecnologia tridimensionale (come ha confermato Anderson) ha influito non poco sulle sequenze action e persino sulla stesura dello script. Anderson ha dichiarato di essersi ispirato molto ad “Avatar” (e Cameron lo avrebbe aiutato mostrandogli un sacco di materiale) e di aver utilizzato le medesime telecamere.

#13 ClaD

ClaD

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4450 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 13 settembre 2010 - 14:09

QUOTE(Cirdan @ 10 September 2010, 18:28) Visualizza Messaggio

good.gif
Ecco come uno sconosciuto può diventare un ottimo attore...

Se ti è piaciuto Luca, ti consiglio Saturno Contro wink.gif


Sì, effettivamente molto bravo, però Saturno Contro me l'hanno descritto come un film abbastanza noioso

#14 Edgar 74

Edgar 74

    induzioni mentali stimolate da pensieri inversi

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 56843 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:gli altarini di Gala
  • Interessi:Impara l'arte e mettila da parte

Inviato 13 settembre 2010 - 14:45

Tenacious D e il destino del Rock metal2.gif

#15 marcolanc

marcolanc

    Squadrista, Rancoroso, Ultrà, Tifoso di Serie C

  • Coordinatore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 35064 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Bourgogne

Inviato 13 settembre 2010 - 14:53

QUOTE(Edgar 74 @ 10 September 2010, 16:21) Visualizza Messaggio

IL GRANDE LEBOWSKY. di Joel e Ethan Coen

Straordinario John Goodman metal2.gif metal2.gif metal2.gif

surpris_24.gif

Ricordo che, quando lo vidi al cinema, la sala era praticamente vuota... i fratelli Coen erano pressoché sconosciuti, in Italia (basta pensare che il DVD di Fargo, un capolavoro assoluto precedente a Big Lebowski, è stato pubblicato in Italia non più tardi di un paio d'anni fa...).
Prima canzone del film: "The man in me", di Bob Dylan... da pelle d'oca!
Per quanto mi riguarda, "Il Grande Lebowksi" resta il film più bello dei Coen, anche rispetto al pluridecorato "Non è un paese per vecchi".


Sai, questo... questo è un caso molto, molto complicato, Maude. Un sacco di input e di output. Ma fortunatamente io rispetto un regime di droghe piuttosto rigido per mantenere la mente, diciamo, flessibile.
(Drugo)
rotflpy6.gif




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi