Vai al contenuto

Benvenuti sul nostro Forum!

Accedi o Registrati per avere pieno accesso alla nostra community bianconera.

Foto

John Elkann - ProprietÓ Juventus


  • Per cortesia connettiti per rispondere
14 risposte a questa discussione

#1 ONORE ALLA TRIADE

ONORE ALLA TRIADE

    GI┘ LE MANI DALLA JUVE!

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 75908 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Giulemani City
  • Interessi:JUVENTUS
    GIUleMANIdallaJUVE

Inviato 30 novembre 2022 - 21:54

John Elkann ha così parlato della Juventus durante lannuale Investor and Analyst Call🎙: Non sono necessari nuovi aumenti di capitale. Ci troviamo in una situazione in cui cè una chiara direzione davanti, come abbiamo annunciato ieri. Sarà nominato il nuovo consiglio di amministrazione a gennaio e il presidente sarà Gianluca Ferrero, che saprà affrontare le varie questioni. La società avrà un Direttore Generale molto capace nelle aree in cui la Juventus è presente. Abbiamo un grande allenatore di esperienza come Massimiliano Allegri. Il calcio è un settore di grande valore e pensiamo che con gli ingredienti che ha la Juventus abbia la capacità di diventare una società di valore ancora maggiore rispetto a quello che ha oggi.

--


INFO!

🇮🇹 Exor e le prossime mosse in chiave CdA della Juve: la possibilità di aumento di capitale al momento non è unipotesi presa in considerazione. Sarà nellimmediato un governo tecnico. Per larea sport si valuta una figura chiamata a prendere il posto di Nedved

Romeo Agresti

#2 CRAZEOLOGY

CRAZEOLOGY

    * * * *

  • Redattori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5984 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 03 dicembre 2022 - 17:40

Uomo-con-sacchetto-300x300.png



#3 CRAZEOLOGY

CRAZEOLOGY

    * * * *

  • Redattori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5984 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 05 dicembre 2022 - 19:54

vergogna-3-810x608.png



#4 gildo75

gildo75

    Prima Squadra

  • Coordinatore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 33031 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 05 dicembre 2022 - 20:03

LA SACRA FAMIGLIA
Per sempre Elkann (e mai Agnelli), quando la madre impedì l'adozione
Gigi Moncalvo 07:00 Sabato 03 Dicembre 2022

 

A fine anni '90 l'Avvocato era pronto a dare il suo cognome al nipote prediletto, ma l'operazione non riuscì per la netta opposizione di Margherita (ed Edoardo). E da allora Jaki patisce un senso d'inferiorità verso il cugino Andrea. Dal nuovo libro di GIGI MONCALVO

Andrea Agnelli, John Elkann, Lapo Elkann. La differenza, e non è cosa da poco, sta tutta nei cognomi. Uno porta quello della royal family, gli altri due no. Non c’è niente da fare: il cognome di John si scrive e si scriverà sempre Elkann, non si scrive né si può pronunciare Agnelli. È sempre stato un cruccio di John: avere un cognome diverso. Al tempo stesso, il suo sogno è quello di chiamarsi John Agnelli, o comunque di essere considerato un Agnelli, di essere accettato come un Agnelli. Questa aspirazione è diventata ancora più forte negli ultimi anni. Egli prova un profondo e inconfessato fastidio quando l’impero economico-finanziario di cui è al vertice viene indicato come gruppo Agnelli. In compenso, gli dà un piacere immenso, dopo tanto faticare per farsi riconoscere come tale, essere definito il capofamiglia e l’erede di Gianni Agnelli, in questo caso con l’aggiunta di un aggettivo che adora: designato. Anche se non è del tutto vero che sia andata così. In ogni caso, John potrebbe avere tutto e potrebbe comprare tutto, ma gli manca una cosa fondamentale che nemmeno un uomo immensamente ricco come lui può acquistare: il suo cognome sarà sempre Elkann. Si scrive Elkann, si pronuncia Elkann. Non c’è niente da fare. Gli Agnelli veri sono altri.

John non sopporta che nell’impegnativa definizione che si è auto-attribuito – anche se anagraficamente è un po’ presto, a soli 46 anni, pretendere di meritare un simile e ambitissimo titolo – dopo il suo nome e cognome ci sia una virgola e occorra sempre specificare: il capostipite della famiglia Agnelli. Senza che nessuno aggiunga: attuale, dato che il vero capostipite è un altro, il senatore Giovanni Agnelli senior, il trisnonno di John che, per meritarsi tale titolo e tale funzione ha fatto ben altro rispetto a chi tra i suoi discendenti è stato il più fortunato, superando in questo campo perfino Gianni Agnelli. Il quale ha goduto di certo della predilezione che il nonno nutriva per lui e del fatto di essere il primo maschio in mezzo a tante discendenti femmine, ma comunque ha dovuto metterci del suo anche per ciò che meno gli andava a genio: lavorare e faticare.

Invece è stato aiutato non solo dal denaro accumulato dal nonno, ma anche dalle circostanze e dalla fortuna, chiamiamola paradossalmente così, di trovarsi la strada spianata verso la conquista del trono da una serie di decessi ravvicinati di persone che in qualche modo ne avrebbero ostacolato o reso più difficile la scalata. In primis, il cugino Giovanni Alberto Agnelli (scomparso per un tumore nel dicembre 1997) e anche lo zio Edoardo (novembre 2000). Questo ha facilitato il disegno di coloro cui conveniva l’ascesa al trono di John, Gianluigi Gabetti e Franzo Grande Steven, i quali avevano tutto l’interesse che il potere, almeno in apparenza, fosse nelle mani di un giovane inesperto e inadeguato che avesse un bisogno quasi disperato della loro guida e dei loro consigli; e quindi permettesse a loro di spadroneggiare restando, come sempre, dietro le quinte, più potenti di prima, più potenti che mai. (…)

John, con l’assistenza determinante di Gabetti e Franzo Grande, è stato accompagnato lungo un difficile percorso nel quale, cinicamente, non ha guardato in faccia nessuno, nemmeno sua madre, nemmeno suo cugino Andrea, il figlio di Umberto, che in quanto maschio e in quanto Agnelli aveva le carte in regola per coltivare legittime ambizioni. Sebbene si trovasse di fronte, come nei suoi amati campi da golf, a due gravi handicap: essere l’esponente del ramo Umberto, il fratello dell’Avvocato, e in più il fatto di chiamarsi Agnelli, il che rappresentava una colpa indelebile, proprio per quell’inestirpabile complesso d’inferiorità che John porta dentro di sé.

Nei confronti di Andrea, è stato spietato: piuttosto che affidargli a suo tempo la guida della Juventus, col rischio che la popolarità creata dal calcio e dalle vittorie ponesse il cugino su un piedistallo e attirasse soprattutto su di lui la luce dei riflettori, non ha esitato a mandare all’inferno la squadra tanto cara al nonno privandola di protezioni adeguate e consentendo che venisse retrocessa in serie B. In quel frangente ha relegato Andrea ai margini dell’Impero arrivando a consegnare la gestione del club a un gruppo improvvisato e incapace che ha provocato sconquassi per quattro anni. Alla fine, costretto dalle circostanze, John non ha più potuto fare a meno di affidare al cugino quasi coetaneo (Andrea è nato quattro mesi prima) il ruolo che gli competeva e per il quale appariva più adatto. Lo ha fatto solo nel 2010, quando ormai Andrea non poteva più dargli fastidio, ostacolare i suoi sogni di gloria, né contrastare la sua ascesa visto che la sua presa di potere si stava ormai consolidando ed era diventata irreversibile.

La Juventus è un altro degli aspetti che irrita terribilmente il giovane Jaki: viene sempre chiamata la squadra degli Agnelli. John non sopporta di essere il maggiore azionista del club, e soprattutto colui che dà ordine a Exor di versare ogni anno milioni e milioni di euro per ripianare i debiti dei bianconeri. Pagare e vedere che il suo cognome non viene nemmeno associato alla squadra, come meriterebbe e ambirebbe, lo innervosisce moltissimo. Anche se, negli ultimi tempi, Andrea non ne ha più azzeccata una, si è montato la testa, è diventato ancor più presuntuoso di quanto già fosse, dimostrando di non essere quel manager capace e moderno che voleva far credere. Ha inanellato una serie di errori clamorosi: l’eccessivo accentramento di poteri, una serie di collaboratori inadeguati, l’ostinazione nel voler creare la Superlega europea, l’ingaggio di Cristiano Ronaldo – positivo sul piano sportivo ma finanziariamente catastrofico –, l’inchiesta giudiziaria sulle plusvalenze, le accuse di falso in bilancio e di false fatturazioni, il crollo del titolo in Borsa, la vicenda dell’esame truccato di italiano del calciatore Suarez e non ultime le proprie vicende sentimentali. Per un certo arco di tempo, John ha sofferto per i successi di Andrea, per i nove scudetti vinti di fila, per il fatto che fosse il solo ad essere considerato e diventasse sempre più popolare, sempre in prima pagina. Ma, soprattutto, che soltanto a lui si riconoscessero i meriti (anche perché, in assenza di risultati il presidente della Juve è abituato a scaricare puntualmente le colpe sui suoi collaboratori).

Ora la situazione si è rovesciata: Andrea si è fatto fuori da solo, John non ha avuto bisogno di prendersi la rivincita (...)

Per John è sempre stata profonda la consapevolezza di quanto fosse importante chiamarsi Agnelli, la possibilità di sentirsi chiamare Agnelli, di potersi firmare Agnelli, la facoltà di poter essere a pieno titolo un Agnelli. E di non avere alcun mezzo per poterlo fare. Come si può essere del tutto accettati o riconosciuti al vertice di una piramide famigliare o imprenditoriale se non si porta nemmeno il nome, il brand che ha reso celebre la dinastia nel mondo? Come può essere considerato a pieno titolo l’erede di Gianni Agnelli se non porta e non si può fregiare del cognome della Real Casa?

Una simile esigenza era stata profeticamente avvertita verso la fine degli anni ’90 da quella vecchia volpe di Gianluigi Gabetti, il Richelieu, il cardinale Mazzarino o, secondo alcuni, il Rasputin dell’Avvocato. Insieme all’altro Gran Ciambellano, Franzo Grande, aveva cominciato un insistente pressing su Manitù – come veniva chiamato Agnelli, non certo da loro, come se fosse un grande capo indiano – per spingerlo a prendere una decisione clamorosa: dar vita alla procedura legale per affiliare (attenzione: non adottare, ma affiliare) suo nipote John, affinché potesse assumere a pieno titolo il cognome Agnelli. Si trattava di una trovata geniale, specie dal punto di vista mediatico. Si immagini che cosa significherebbe oggi avere al vertice del gruppo e di quel che resta della ex royal family un signore che si chiama John Agnelli. Anzi, più esattamente John Philip Jacob Agnelli. Quel marchio avrebbe una dimensione e notorietà planetaria, renderebbe felice anche la componente ebraica, grazie a quel terzo nome di John (Jacob, cioè Giacobbe) che racchiude molti significati. Un nome che andrebbe a smentire tutti coloro che, sacri testi alla mano, sostengono che John non possa essere considerato ebreo a pieno titolo poiché gli manca un requisito indispensabile: avere la madre ebraica, dato che la religione di Margherita Agnelli è stata quella cattolica prima che diventasse greco-ortodossa.

Comunque sia, il sogno (suo e di Gabetti e Grande Stevens) di potersi chiamare John Agnelli era miseramente naufragato – nonostante l’assenso del nonno ormai mentalmente vulnerabile e minato dalle cattive condizioni di salute – sugli scogli rappresentati dai suoi due figli veri e dalla loro furibonda e giustificata reazione. Margherita era stata a lungo tenuta all’oscuro dell’operazione. Ma, non appena le circostanze legali avevano imposto la necessità di avere il suo parere favorevole e la sua firma sui documenti, aveva affrontato il padre con estrema durezza e rifiutato. Edoardo aveva fatto lo stesso. E così, niente Agnelli: John è rimasto soltanto Elkann.

Estratti da:
Gigi Moncalvo
Agnelli coltelli
Vallecchi, Firenze 2022

 

https://lospiffero.c...le.php?id=68469



#5 ONORE ALLA TRIADE

ONORE ALLA TRIADE

    GI┘ LE MANI DALLA JUVE!

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 75908 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Giulemani City
  • Interessi:JUVENTUS
    GIUleMANIdallaJUVE

Inviato 21 dicembre 2022 - 08:57

TS: "Sabato Exor depositerà i nomi del nuovo Cda della Juventus: solo tecnici, nessun uomo immagine o dell'area sportiva. Allegri alla Ferguson"

#6 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 157938 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 21 dicembre 2022 - 09:41

poveri noi



#7 BiancoeNero

BiancoeNero

    Rancoroso

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 43961 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Interessi:Juventus

Inviato 21 dicembre 2022 - 19:27

TS: "Sabato Exor depositerà i nomi del nuovo Cda della Juventus: solo tecnici, nessun uomo immagine o dell'area sportiva. Allegri alla Ferguson"

Più che AA lo avrà voluto lui fortemente alla Juve.
Se tanto mi dà tanto boh:
wall:

#8 ONORE ALLA TRIADE

ONORE ALLA TRIADE

    GI┘ LE MANI DALLA JUVE!

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 75908 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Giulemani City
  • Interessi:JUVENTUS
    GIUleMANIdallaJUVE

Inviato 24 dicembre 2022 - 08:31

TS: "Non si ferma la risalita delle azioni: A Piazza Affari il titolo a +4,8%. Le ipotesi di delisting comporterebbero per Exor un esborso tra i 250 e i 300 mln"

#9 ONORE ALLA TRIADE

ONORE ALLA TRIADE

    GI┘ LE MANI DALLA JUVE!

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 75908 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Giulemani City
  • Interessi:JUVENTUS
    GIUleMANIdallaJUVE

Inviato 26 dicembre 2022 - 14:15

I nuovi componenti per il Cda della #Juventus che sarà votato il 18 gennaio: Fioranna Vittoria Negri, Maurizio Scanavino, Gianluca Ferrero, Diego Pistone e Laura Cappiello.

Giovanni Albanese

#10 ONORE ALLA TRIADE

ONORE ALLA TRIADE

    GI┘ LE MANI DALLA JUVE!

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 75908 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Giulemani City
  • Interessi:JUVENTUS
    GIUleMANIdallaJUVE

Inviato 24 gennaio 2023 - 08:40

🚨🗣 John Elkann a La Stampa: «La #Juventus è la squadra italiana più amata e seguita: rappresenta il nostro calcio nazionale. Lingiustizia di questa sentenza è evidente: in molti lhanno rilevato, anche non di fede bianconera, e noi ci difenderemo con fermezza per tutelare linteresse dei tifosi della #Juve e di tutti quelli che amano il calcio. Spero che insieme alle altre squadre e al Governo possiamo cambiare il calcio nel nostro Paese, per costruire un futuro sostenibile e ambizioso. La Juventus non è il problema, ma è, e sarà sempre, parte della soluzione. Qui è in gioco il futuro della Serie A, che sta diventando marginale e irrilevante».

#11 Il gol di Cannavaro

Il gol di Cannavaro

    'sta ferita ancora sanguina!

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10756 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 24 gennaio 2023 - 09:00

Plusvalenze che abbiamo fatto, noi sappiamo quelle che abbiamo fatto, e quella è quella cosa importante...

#12 gildo75

gildo75

    Prima Squadra

  • Coordinatore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 33031 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 24 gennaio 2023 - 20:39

John Elkann a La Stampa: «La #Juventus è la squadra italiana più amata e seguita: rappresenta il nostro calcio nazionale. L'ingiustizia di questa sentenza è evidente: in molti l'hanno rilevato, anche non di fede bianconera, e noi ci difenderemo con fermezza per tutelare l'interesse dei tifosi della #Juve e di tutti quelli che amano il calcio. Spero che insieme alle altre squadre e al Governo possiamo cambiare il calcio nel nostro Paese, per costruire un futuro sostenibile e ambizioso. La Juventus non è il problema, ma è, e sarà sempre, parte della soluzione. Qui è in gioco il futuro della Serie A, che sta diventando marginale e irrilevante».

E quindi "stringiamoci forte e vogliamoci bene", la Juventus come segno di fratellanza accetterà il -15.



#13 AndreaJuve84

AndreaJuve84

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10806 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Camaiore(LU)
  • Interessi:Trekking

Inviato 25 gennaio 2023 - 12:41

Vendi omuncolo

#14 ONORE ALLA TRIADE

ONORE ALLA TRIADE

    GI┘ LE MANI DALLA JUVE!

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 75908 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Giulemani City
  • Interessi:JUVENTUS
    GIUleMANIdallaJUVE

Inviato 02 febbraio 2023 - 17:13

Non ci saranno aumenti di capitale fino al 2025 in casa Juve 🤯

A renderlo noto è il club bianconero nel verbale dellassemblea dello scorso 18 gennaio ✍🏻

🗣 Alla domanda sul tema degli aumenti di capitale fatta da un socio del club, la Juve ha risposto: "La domanda non è pertinente agli argomenti allordine del giorno ed è inoltre posta a candidati che non hanno ancora assunto il ruolo di amministratori nel Consiglio di Amministrazione della Società - riporta Calcioefinanza.it -. La Società segnala in ogni caso che il Piano Triennale per gli esercizi 2022/23 2024/25, approvato dalla Società nel giugno 2022, non prevede limplementazione di aumenti di capitale"

Sportmediaset

#15 BiancoeNero

BiancoeNero

    Rancoroso

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 43961 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Interessi:Juventus

Inviato 03 febbraio 2023 - 22:15

Menomale, non ci saranno acquisti inutili




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi