Vai al contenuto

Benvenuti sul nostro Forum!

Accedi o Registrati per avere pieno accesso alla nostra community bianconera.

Foto
- - - - -

10 Gennaio 1960 - Di S. Bianchi

tutto il calcio minuto per mi Storia della Juve

  • Per cortesia connettiti per rispondere
8 risposte a questa discussione

#1 gildo75

gildo75

    Prima Squadra

  • Coordinatore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 32683 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 10 gennaio 2020 - 09:52

10 gennaio 1960

Carosiotuttoilcalcio160.jpg

 

di S. Bianchi

Nel campionato 1959/60, dopo l’inopinato black-out durato una stagione, con la squadra affidata a Carlo Parola (allenatore confermato) e al redivivo “Cè”, il grande Cesarini (Direttore Sportivo), la nostra Juventus rimette in fila le avversarie con un campionato sontuoso.

 

E dire che il girone di andata stava per compromettersi: la sconfitta di Bologna ci vedeva raggiunti dalla squadra di Pivatelli e di Pascutti, che per fortuna tornavano a due punti al turno seguente, per la nostra vittoria in casa col Genoa e la loro sconfitta con la Sampdoria. La domenica seguente, a Napoli perdiamo di nuovo, e l’Inter, superando il Bologna, si porta al secondo posto in classifica, a un solo punto da noi. Come in un film giallo, è quindi il turno proprio di Juventus - Inter, la gara di cui abbiamo parlato recentemente, quella della “fischiettata” di Lo Bello a Locatelli: la vittoria sui nerazzurri determina l’aumento a tre punti del nostro vantaggio in classifica, poiché il Bologna perde in casa col Vicenza e il Milan fa zero a zero a Palermo. Nella penultima gara del 1959, facciamo uno a uno a Udine per finire l’anno in bellezza col quattro a zero alla Roma di Losi, Ghiggia e “Piedone” Manfredini: sul tabellino, spiccano i nomi di Boniperti, Stacchini e due volte quello di Sivori. 

 

Gli anni ’60, che il due gennaio si aprono con la morte di Fausto Coppi, un caso di malasanità ante - litteram, calcisticamente iniziano il dieci gennaio con la quattordicesima di andata. A Milano, contro i rossoneri di Ghezzi, Liedholm, Maldini, Schiaffino e Altafini, i nostri scendono in campo con: Mattrel, Castano e Benito Sarti; Leoncini, Cervato e Umberto Colombo; Nicolè, Boniperti, Charles, Sivori e Stacchini. La novità di quella quart’ultima giornata del girone di andata è il battesimo di “Tutto il calcio minuto per minuto”: è proprio la Juventus - Milan a inaugurare la storica trasmissione come campo principale, con Niccolò Carosio in cabina radio, con Enrico Ameri collegato per Bologna - Napoli, mentre per Alessandria - Padova la cronaca è affidata ad Andrea Boscione. Anche il primo gol della trasmissione è firmato da un bianconero, raccontato in diretta dal grande Carosio: è il sesto minuto del secondo tempo e l’autore è Gino Stacchini; Cervato segnerà poi, al settantaquattresimo, il gol del due a zero finale che proietta la Juve verso lo scudetto.

 

Se, negli anni, “Tutto il calcio” diverrà una trasmissione culto, espandendo le radiocronache dei secondi tempi a tutti i campi della Serie A (e al principale della Serie B), la Juventus, che “cult” lo era già, se ne andava a vincere il suo Scudetto numero undici con ben otto punti di  vantaggio sui viola di Giuliano Sarti, Hamrin e Gratton, col “Trio delle Meraviglie” a fare sfracelli, con Sivori e Charles autori, rispettivamente, di ventotto e ventitré reti. Quella “macchina da calcio”, mi perdoneranno i puristi per la citazione “argentina”, quell’anno conquistava anche la Coppa Italia, la quarta per i nostri colori, inaugurando anche la serie delle “doppiette”. In finale chi facemmo fuori? La solita, tenace, Fiorentina.

 

giulemanidallajuve.com/newsite/articoli_dettaglio.asp?id=5864



#2 gustavo

gustavo

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 34069 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 10 gennaio 2020 - 11:00

Lo ricordo come se fosse adesso :

attaccato alla rete di un campo dove si stava svolgendo una partita di Seconda Categoria

con in mano 5 lire di bruscolini dentro un cartoccio, intirizzito da un freddo cane e una radiolina

di uno sui scalini che a tutto volume distraeva pure i giocatori in campo .



#3 aguidot

aguidot

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7468 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Nowhere

Inviato 10 gennaio 2020 - 11:56

10 gennaio 1960

Carosiotuttoilcalcio160.jpg

 

di S. Bianchi

Nel campionato 1959/60, dopo l’inopinato black-out durato una stagione, con la squadra affidata a Carlo Parola (allenatore confermato) e al redivivo “Cè”, il grande Cesarini (Direttore Sportivo), la nostra Juventus rimette in fila le avversarie con un campionato sontuoso.

 

E dire che il girone di andata stava per compromettersi: la sconfitta di Bologna ci vedeva raggiunti dalla squadra di Pivatelli e di Pascutti, che per fortuna tornavano a due punti al turno seguente, per la nostra vittoria in casa col Genoa e la loro sconfitta con la Sampdoria. La domenica seguente, a Napoli perdiamo di nuovo, e l’Inter, superando il Bologna, si porta al secondo posto in classifica, a un solo punto da noi. Come in un film giallo, è quindi il turno proprio di Juventus - Inter, la gara di cui abbiamo parlato recentemente, quella della “fischiettata” di Lo Bello a Locatelli: la vittoria sui nerazzurri determina l’aumento a tre punti del nostro vantaggio in classifica, poiché il Bologna perde in casa col Vicenza e il Milan fa zero a zero a Palermo. Nella penultima gara del 1959, facciamo uno a uno a Udine per finire l’anno in bellezza col quattro a zero alla Roma di Losi, Ghiggia e “Piedone” Manfredini: sul tabellino, spiccano i nomi di Boniperti, Stacchini e due volte quello di Sivori. 

 

Gli anni ’60, che il due gennaio si aprono con la morte di Fausto Coppi, un caso di malasanità ante - litteram, calcisticamente iniziano il dieci gennaio con la quattordicesima di andata. A Milano, contro i rossoneri di Ghezzi, Liedholm, Maldini, Schiaffino e Altafini, i nostri scendono in campo con: Mattrel, Castano e Benito Sarti; Leoncini, Cervato e Umberto Colombo; Nicolè, Boniperti, Charles, Sivori e Stacchini. La novità di quella quart’ultima giornata del girone di andata è il battesimo di “Tutto il calcio minuto per minuto”: è proprio la Juventus - Milan a inaugurare la storica trasmissione come campo principale, con Niccolò Carosio in cabina radio, con Enrico Ameri collegato per Bologna - Napoli, mentre per Alessandria - Padova la cronaca è affidata ad Andrea Boscione. Anche il primo gol della trasmissione è firmato da un bianconero, raccontato in diretta dal grande Carosio: è il sesto minuto del secondo tempo e l’autore è Gino Stacchini; Cervato segnerà poi, al settantaquattresimo, il gol del due a zero finale che proietta la Juve verso lo scudetto.

 

Se, negli anni, “Tutto il calcio” diverrà una trasmissione culto, espandendo le radiocronache dei secondi tempi a tutti i campi della Serie A (e al principale della Serie B), la Juventus, che “cult” lo era già, se ne andava a vincere il suo Scudetto numero undici con ben otto punti di  vantaggio sui viola di Giuliano Sarti, Hamrin e Gratton, col “Trio delle Meraviglie” a fare sfracelli, con Sivori e Charles autori, rispettivamente, di ventotto e ventitré reti. Quella “macchina da calcio”, mi perdoneranno i puristi per la citazione “argentina”, quell’anno conquistava anche la Coppa Italia, la quarta per i nostri colori, inaugurando anche la serie delle “doppiette”. In finale chi facemmo fuori? La solita, tenace, Fiorentina.

 

giulemanidallajuve.com/newsite/articoli_dettaglio.asp?id=5864

Mamma mia che bei ricordi...

Con mio padre e mio zio (che in realtà era interessato solo ai risultati per il Totocalcio  asd: ), puntuali ogni domenica a seguire alla radio le partite, e che gioia quando decisero di trasmettere dal primo minuto, anziché solo il secondo tempo...

 

 

Grazie per questo bell'articolo.



#4 Edgar 74

Edgar 74

    capitano

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 75291 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Nampara, Cornovaglia
  • Interessi:Evitare il fuoco amico

Inviato 10 gennaio 2020 - 12:15

Bello. Veramente.



#5 Manuju

Manuju

    Gaetano Scirea unico grande vero juventino. LA LEGGENDA

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23108 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:San Severo (Foggia)
  • Interessi:I miei figli,Le belle donne,la Juve,la musica,la buona cucina:

Inviato 10 gennaio 2020 - 12:48

Aaaaatenziioneeee....magico Ameri
Scusa Ameri....era Ciotti
I 2 big di sempre.
Questo mese festeggio 37 anni di fede bianconera.
Campionato 1982/83
Un Cesena Juventus 2 a 2
Vivevo a Torino
A Luglio saremmo ritornati giù
Oggi sono all'estero...
Ma il mio amore per questa squadra non morirà mai
Da tutto il calcio minuto per minuto sino alle Pay TV sempre
Fino alla fine...

#6 Manuju

Manuju

    Gaetano Scirea unico grande vero juventino. LA LEGGENDA

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23108 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:San Severo (Foggia)
  • Interessi:I miei figli,Le belle donne,la Juve,la musica,la buona cucina:

Inviato 10 gennaio 2020 - 18:30

Grazie Stefano.

#7 marcolanc

marcolanc

    Squadrista, Rancoroso, Ultrà, Tifoso di Serie C

  • Coordinatore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 41763 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Bourgogne

Inviato 11 gennaio 2020 - 10:46

Grazie Stefano. Leggerti è sempre un piacere, oltre che una occasione per scoprire tanti fatti storici difficilmente reperibili altrove.

#8 andrea

andrea

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5539 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:CAGLIARI
  • Interessi:sport musica cinema Juventus e....medicina...fisiatria ortopedica

Inviato 12 gennaio 2020 - 12:58

Grazie e bravo Stefano. Quello che racconti è splendido. L'ho sentito raccontare da mio padre. Ero molto piccolo. I mie ricordi veri sono avvenute qualche anno dopo. La nostra Juve comunque è sempre stata  LA  protagonista della Serie A. Solo Calciopoli schifosa  ci ha frenato....maledetti!!!!!!!FJ   



#9 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 155971 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 13 gennaio 2020 - 07:12

:lode:







0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi