Vai al contenuto

Benvenuti sul nostro Forum!

Accedi o Registrati per avere pieno accesso alla nostra community bianconera.

Foto
- - - - -

Quel Rigore Di Sessantanni Fa Allí Appiani, Di S. Bianchi


  • Per cortesia connettiti per rispondere
10 risposte a questa discussione

#1 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 142962 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 27 settembre 2019 - 07:51

Quel rigore di sessantanni fa all’Appiani

 

sivori(2).jpg

 

di S. Bianchi

 

Odeon, tutto quanto fa spettacolo era una trasmissione RAI di Brando Giordani ed Emilio Ravel, che si occupava di spettacolo, di tempo libero e terminava col grande Keith Emerson che suonava "Honky tonk train blues". Quella storica trasmissione mi torna in mente quando penso a Sivori: anche per Omar tutto quanto faceva spettacolo, per il suo e per il nostro divertimento. Gli piaceva primeggiare e, dopo, sentirselo dire. Amava essere differente dagli altri, stupire, essere imprevedibile: in questo era abilissimo nei novanta minuti domenicali, ma anche in allenamento e in quello che oggi si chiamerebbe il suo privato.

Limitandoci al campo, pare quasi inutile ricordare quelle impagabili giocate a tre, con Boniperti e Charles, e quelle reti segnate in tutti i modi alle squadre avversarie. L’altra cosa che mandava in visibilio i suoi tifosi erano i tunnel ripetuti all’avversario, le finte a mandare a vuoto il difensore, così come i calcetti maligni spesso non visti dall’arbitro, tutto il suo bagaglio di base per far perdere la calma all’avversario e renderlo disfunzionale al gioco di squadra. Quante volte, non contento d’essere arrivato sulla linea di porta palla al piede, ha atteso l’intervento alla disperata del difensore, regolarmente saltato da Omar che, nel frattempo, con un calcetto aveva depositato la palla in rete? Non gli bastava vincere, voleva stravincere. Lo faceva per noi, per i tifosi che lo ricambiavamo con ovazioni a non finire. Avrebbe giocato gratis, pur di aver la possibilità di eseguire quei giochetti, pur di fare all’avversario quel tunnel in più, naturalmente inutile nello schema d’attacco, ma tanto atteso e gradito dai suoi tifosi.

Era fatto così. Scusate se ho scritto come se lo avessi visto giocare intere stagioni bianconere, mentre, su di lui ho solo i racconti di mio zio e di mia cugina, i libri, i VHS e i DVD che me ne hanno fatte apprezzare le finezze tecniche, l’intelligenza tattica e la capacità realizzativa. Una sola volta l’ho visto giocare, nel suo ultimo anno bianconero. Era quel Sampdoria - Juventus del 28 marzo 1965, uno a zero per i blucerchiati, di cui ricordo pochissimo, visto che ero un ragazzino. Anni dopo l'ho incontrato a Torino, nell’albergo dove la Juventus era riunita prima di una gara interna: all’arrivo di Lippi i miei amici hanno seguito Marcello, mentre io sono rimasto una ventina di minuti a parlare con lui.

Era fatto così, dicevo. Anche ciò che è accaduto in quel Padova - Juventus del 27 settembre 1959, arbitro Marchese di Napoli, è in perfetto stile - Sivori. E la seconda di campionato e la Juve, in vantaggio dal sesto minuto con Cervato, all’ottantacinquesimo mette il risultato in ghiaccio, tre a zero, con le reti di Stacchini e Stivanello. L’ambiente è incandescente: il pubblico non gradisce l’arbitraggio, più che altro deluso per aver sperato di pareggiare, mentre gli avversari hanno chiuso la gara. Per soprammercato, Blason stende in area Stacchini a due minuti dal termine: rigore! Sivori, si impadronisce del pallone e, per tranquillizzare gli animi degli avversari, sembra promettere al portiere di fargli parare il rigore.

Facciamolo raccontare da lui. «Stavamo vincendo tre a zero con il Padova e la partita stava già finendo, quando l’arbitro ci concesse un rigore che i padovani contestarono vivacemente, nonostante non avesse influenza sul risultato finale. Vedendo la disperazione di Pin, il portiere, mi avvicinai e gli dissi: Non preoccuparti, tanto lo tiro sulla sinistra. Andai sul dischetto e, ovviamente, tirai sulla destra, segnando. Pin si arrabbiò come un matto, inseguendomi e insultandomi. Non me la perdonò mai. Lo incontrai nuovamente, un paio di anni dopo su una spiaggia, e lui ancora si arrabbiò. Inutilmente tentai di spiegargli che io avevo inteso la mia sinistra e non la sua. Non ci cascò e continuò a odiarmi». Omar dimentica di dire due cose: anche il tiro è una presa in giro, con la palla, lentissima, che entra nell’angolo opposto a quello dove si tuffa il portiere e che, subito dopo il quattro a zero inizia a correre, non per esultare braccia al cielo, ma per fuggire alla rappresaglia da parte di Pin. Il tutto, mentre in campo si accende una rissa da saloon e, sugli spalti, si minaccia l’invasione di campo, con l’arbitro Marchese barricato per ore negli spogliatoi.

 

http://www.giulemani...lio.asp?id=5773

 



rotfl:  rotfl:  rotfl:



#2 aguidot

aguidot

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2946 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Nowhere
  • Interessi:Passivi

Inviato 27 settembre 2019 - 10:07

Quel rigore di sessantanni fa all’Appiani

 

sivori(2).jpg

 

di S. Bianchi

 

Odeon, tutto quanto fa spettacolo era una trasmissione RAI di Brando Giordani ed Emilio Ravel, che si occupava di spettacolo, di tempo libero e terminava col grande Keith Emerson che suonava "Honky tonk train blues". Quella storica trasmissione mi torna in mente quando penso a Sivori: anche per Omar tutto quanto faceva spettacolo, per il suo e per il nostro divertimento. Gli piaceva primeggiare e, dopo, sentirselo dire. Amava essere differente dagli altri, stupire, essere imprevedibile: in questo era abilissimo nei novanta minuti domenicali, ma anche in allenamento e in quello che oggi si chiamerebbe il suo privato.

Limitandoci al campo, pare quasi inutile ricordare quelle impagabili giocate a tre, con Boniperti e Charles, e quelle reti segnate in tutti i modi alle squadre avversarie. L’altra cosa che mandava in visibilio i suoi tifosi erano i tunnel ripetuti all’avversario, le finte a mandare a vuoto il difensore, così come i calcetti maligni spesso non visti dall’arbitro, tutto il suo bagaglio di base per far perdere la calma all’avversario e renderlo disfunzionale al gioco di squadra. Quante volte, non contento d’essere arrivato sulla linea di porta palla al piede, ha atteso l’intervento alla disperata del difensore, regolarmente saltato da Omar che, nel frattempo, con un calcetto aveva depositato la palla in rete? Non gli bastava vincere, voleva stravincere. Lo faceva per noi, per i tifosi che lo ricambiavamo con ovazioni a non finire. Avrebbe giocato gratis, pur di aver la possibilità di eseguire quei giochetti, pur di fare all’avversario quel tunnel in più, naturalmente inutile nello schema d’attacco, ma tanto atteso e gradito dai suoi tifosi.

Era fatto così. Scusate se ho scritto come se lo avessi visto giocare intere stagioni bianconere, mentre, su di lui ho solo i racconti di mio zio e di mia cugina, i libri, i VHS e i DVD che me ne hanno fatte apprezzare le finezze tecniche, l’intelligenza tattica e la capacità realizzativa. Una sola volta l’ho visto giocare, nel suo ultimo anno bianconero. Era quel Sampdoria - Juventus del 28 marzo 1965, uno a zero per i blucerchiati, di cui ricordo pochissimo, visto che ero un ragazzino. Anni dopo l'ho incontrato a Torino, nell’albergo dove la Juventus era riunita prima di una gara interna: all’arrivo di Lippi i miei amici hanno seguito Marcello, mentre io sono rimasto una ventina di minuti a parlare con lui.

Era fatto così, dicevo. Anche ciò che è accaduto in quel Padova - Juventus del 27 settembre 1959, arbitro Marchese di Napoli, è in perfetto stile - Sivori. E la seconda di campionato e la Juve, in vantaggio dal sesto minuto con Cervato, all’ottantacinquesimo mette il risultato in ghiaccio, tre a zero, con le reti di Stacchini e Stivanello. L’ambiente è incandescente: il pubblico non gradisce l’arbitraggio, più che altro deluso per aver sperato di pareggiare, mentre gli avversari hanno chiuso la gara. Per soprammercato, Blason stende in area Stacchini a due minuti dal termine: rigore! Sivori, si impadronisce del pallone e, per tranquillizzare gli animi degli avversari, sembra promettere al portiere di fargli parare il rigore.

Facciamolo raccontare da lui. «Stavamo vincendo tre a zero con il Padova e la partita stava già finendo, quando l’arbitro ci concesse un rigore che i padovani contestarono vivacemente, nonostante non avesse influenza sul risultato finale. Vedendo la disperazione di Pin, il portiere, mi avvicinai e gli dissi: Non preoccuparti, tanto lo tiro sulla sinistra. Andai sul dischetto e, ovviamente, tirai sulla destra, segnando. Pin si arrabbiò come un matto, inseguendomi e insultandomi. Non me la perdonò mai. Lo incontrai nuovamente, un paio di anni dopo su una spiaggia, e lui ancora si arrabbiò. Inutilmente tentai di spiegargli che io avevo inteso la mia sinistra e non la sua. Non ci cascò e continuò a odiarmi». Omar dimentica di dire due cose: anche il tiro è una presa in giro, con la palla, lentissima, che entra nell’angolo opposto a quello dove si tuffa il portiere e che, subito dopo il quattro a zero inizia a correre, non per esultare braccia al cielo, ma per fuggire alla rappresaglia da parte di Pin. Il tutto, mentre in campo si accende una rissa da saloon e, sugli spalti, si minaccia l’invasione di campo, con l’arbitro Marchese barricato per ore negli spogliatoi.

 

http://www.giulemani...lio.asp?id=5773

 



rotfl:  rotfl:  rotfl:

rotfl:

Grazie per aver condiviso questo episodio che non conoscevo.



#3 j102704 gobbo 1949

j102704 gobbo 1949

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1340 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:torino
  • Interessi:JUVE

Inviato 27 settembre 2019 - 14:56

Ricordavo benissimo , ma invecchiare gioca brutti scherzi. Ero convinto fosse successo a Bergamo contro l'Atalanta- Grazie per avermi riportato l'episodio



#4 Roccone

Roccone

    Oplita semplice di GLMDJ - ala Stragista -

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5879 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Torino

Inviato 27 settembre 2019 - 17:09

Ma quante ne sai, Stefano !!! ok:  ok:



#5 iena

iena

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9840 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 27 settembre 2019 - 18:11

rotfl:

#6 Manuju

Manuju

    Gaetano Scirea unico grande vero juventino. LA LEGGENDA

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 19652 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Chatelineau
  • Interessi:DIFENDERE LA JUVE DAI LURIDI CHE LA INFANGANO

Inviato 27 settembre 2019 - 19:31

No, non ci credo.
Sivori fece anche questo?


:lol:

#7 vivamontero

vivamontero

    Prima Squadra

  • Redattori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6406 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 27 settembre 2019 - 20:29

La ricordavo, nei racconti di papà che adorava Omar, e mi ha fatto tanto piacere leggerla descritta dal grande Shove, che ringrazio per l'ennesima perla.


Visto che ci siamo, te ne accenno una, che forse hai modo di verificare meglio, e che mi ha raccontato un fratello bianconero, torinese, che Sivori lo vide più volte al comunale. Mi diceva che prima dell'inizio della partita, mentre i ventidue prendevano posizione in campo, era solito prendere il pallone, andare verso la porta sotto la nostra curva e fare un gol per gasare il pubblico. Una volta il portiere avversario che era già arrivato alla porta, bloccò il tiro propiziatorio. Omar, diciamo così, non gradì e fu battaglia ancor prima del fischio d'inizio.

Grande Cabezon nostro, chissà quante ne stai combinando lassù, se vizi ancora l'avvocato e se il Buon Dio ogni tanto dice: ma guarda che razza di filibustiere mi son portato dietro.

#8 j102704 gobbo 1949

j102704 gobbo 1949

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1340 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:torino
  • Interessi:JUVE

Inviato 27 settembre 2019 - 22:59

La ricordavo, nei racconti di papà che adorava Omar, e mi ha fatto tanto piacere leggerla descritta dal grande Shove, che ringrazio per l'ennesima perla.


Visto che ci siamo, te ne accenno una, che forse hai modo di verificare meglio, e che mi ha raccontato un fratello bianconero, torinese, che Sivori lo vide più volte al comunale. Mi diceva che prima dell'inizio della partita, mentre i ventidue prendevano posizione in campo, era solito prendere il pallone, andare verso la porta sotto la nostra curva e fare un gol per gasare il pubblico. Una volta il portiere avversario che era già arrivato alla porta, bloccò il tiro propiziatorio. Omar, diciamo così, non gradì e fu battaglia ancor prima del fischio d'inizio.

Grande Cabezon nostro, chissà quante ne stai combinando lassù, se vizi ancora l'avvocato e se il Buon Dio ogni tanto dice: ma guarda che razza di filibustiere mi son portato dietro.

Si. Ci gasavamo al massimo. Tirava da metà campo. Se sbagliava era un brutto presagio



#9 BiancoeNero

BiancoeNero

    Rancoroso

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 37024 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Interessi:Juventus

Inviato 28 settembre 2019 - 00:31

Il più grande di tutti è stato Omar!
Un mito ancora oggi non troppo celebrato o ricordato, forse perché ha indossato la Maglia della Juve che, notoriamente, non ha un buon feeling con i media!
Se avesse giocato nel Real Madrid avrebbe conquistato il mondo come i Puskas i Di Stefano e i del sol per citare i primi che mi vengono in mente!
Complimenti zebrati al bravissimo autore dell.articolo: Stefano! :sciarpa:

#10 marcolanc

marcolanc

    Squadrista, Rancoroso, Ultrŗ, Tifoso di Serie C

  • Coordinatore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 38372 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Bourgogne

Inviato 28 settembre 2019 - 09:26

Grazie Stefano!
È sempre un grandissimo piacere leggerti. E imparo sempre qualcosa... grazie davvero.

#11 SHOVELHEAD

SHOVELHEAD

    HD

  • Redattori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4534 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Interessi:Tanti: ora che sono in pensione, spero di aver tempo per tutti.

Inviato 28 settembre 2019 - 09:30

Grazie ragazzi, è un piacere. Del "gol da centrocampo" me lo raccontava anche lo zio che mi ha educato al calcio e alla Juve (meno male che schivai il pericolo romanista proveniente da mio padre!). Di quel gol propiziatorio non ho documentazione. Ma, se vi interessa, su Sivori ho in serbo altre cosette, la prossima per il 4 ottobre (se Paola la pubblica). Sto diventando matto a cercare la fotografia per corredare il pezzo: la ricordo perfettamente, nel suo brutale bianconero (BiancoeNero!) quasi privo di mezzi toni, ma non riesco a... riesumarla.






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi