Vai al contenuto

Benvenuti sul nostro Forum!

Accedi o Registrati per avere pieno accesso alla nostra community bianconera.

Foto
- - - - -

Razzismo? Questione Di Colori... Di E. Loffredo


  • Per cortesia connettiti per rispondere
4 risposte a questa discussione

#1 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 137375 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 07 febbraio 2019 - 09:17

Razzismo? Questione di colori...

 

notoracism.jpg

 

di E. Loffredo

 

Il razzismo è una delle moderne forme di ignoranza, sia verso il prossimo che verso sé stessi. Non possiamo qui affrontare in modo compiuto un tema sociale, culturale e politico così serio e impegnativo, possiamo però cimentarci con la manifestazione più imbecille che inquina il misero mondo pallonaro della Penisola.

Fino all'episodio Koulibaly, "apostrofato" durante l'ultimo Inter-Napoli, quasi si accettava di convivere con l'inciviltà di molti. Poi l'isteria napoletana - scoppiata più per la sconfitta che per insofferenza alla discriminazione – ha fatto deflagrare la "questione buuu". "Bisogna affrontare il problema! Se non sospendono le partite ce ne andiamo noi! Il protocollo è sbagliato!", e così via.

Vien da chiedersi se il problema sia cosa nuova o se invece qualcuno dalle parti di Castel Volturno non lo agiti per seminare credito spendibile in qualche modo. Mai prima dello strano caso Koulibaly il tema era stato così al centro del dibattito tra gli sportivi e tra gli addetti ai lavori. Dobbiamo ammettere che i De Laurentiis boys hanno smosso le coscienze...

Nonostante questa nuova sensibilità, nell'ultimo turno di campionato, durante Inter-Bologna, il giocatore rossoblu Ibrahima Mbaye è stato fatto oggetto del solito verso imbecille da parte di qualche primate che si traveste da tifoso. Proprio lì dove per gli insulti al difensore del Napoli era appena stata scontata una squalifica di tre giornate! Una recidiva che avrebbe dovuto trovare una certa eco. Ma è rimasta confinata in qualche trafiletto sui quotidiani sportivi. È vero che l'insulto si è udito solo verso la fine della partita, ma questo non dovrebbe inficiarne la gravità.

Fa quasi più notizia la risposta che Mbaye ha dato nel dopo-partita: "Lasciamo stare dai... C'è qualche ignorante ma non importa. Io voglio solo pensare ai tre punti che ha preso il Bologna, la cosa più importante di oggi". (trascrizione del CorSport)

Il dubbio allora nasce spontaneo: e se l'elegante quanto sprezzante noncuranza di Mbaye, esternata con una risposta superiore agli imbecilli di cui sopra rappresentasse la giusta via per mortificare e annichilire il fenomeno? Non tacendo ha rimpicciolito i buuu alla stessa dignità di chi li fa.

Nessun clamore, nessuna isteria, nessuna mania di persecuzione territoriale, nessuna teatrale minaccia di abbandono del campo. L'episodio Mbaye quasi dimostra che il razzismo in Serie A non è dovuto al colore della pelle, ma a quello della maglia.

 

http://www.giulemani...lio.asp?id=5590

 



#2 SHOVELHEAD

SHOVELHEAD

    HD

  • Redattori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4017 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Interessi:Tanti: ora che sono in pensione, spero di aver tempo per tutti.

Inviato 07 febbraio 2019 - 10:01

Anche a quello della maglia.

Ma tra i più ignoranti (dal latino: che non sanno) dei nostri concittadini, il razzismo "vero" non solo serpeggia, ma è  ben rigoglioso. Quello che non riesco a capire (a parte il razzismo in sé), è come si faccia a far "buuu" a un Koulibaly quando hai in squadra un Matuidi: cosa si credono quei geni, di offendere solo quel "negraccio" di Koulibaly? Non pensano che il loro coro sta offendendo, nello stesso momento, anche il nostro Matuidi?

 

PS: mi è costato molto scrivere il lemma "negraccio": è stato di conforto il ricordo di una grande canzone di John Lennon, "Woman is the nigger of the world", la donna è il negraccio del mondo, un inno alla parità tra i sessi.



#3 gustavo

gustavo

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27562 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 07 febbraio 2019 - 12:53

L'esempio camaleontico da studiare è quello dei bergamaschi .

Lo scorso anno per i cori e i buu a Kuli baly il giudice sportivo gli chiuse la curva nord .

Quest'anno Gasperini manda sistematicamente in campo formazioni con 11 giocatori stranieri .

Per coerenza decantata sarebbe una esagerazione (11 stranieri in campo) per la cultura di quelle parti .

Invece sono riusciti ad andare oltre, saltare di botto il Brembo e il asd: Serio  : il loro idolo adesso è tale asd: Duvan Zapata .

Dopo i 4 gol fatti alla Juve : i BG e il resto degli italiani di Duvan ne vorrebbero 1 per squadra in barba al colore della pelle e da dove viene .

 

Allora la domanda è :

nella ridicola cagnara razzista, in che % centra

la cultura milleneria, il colore della pelle, quello della maglia, la materia del cervello e l'enfasi o l'oblio dei media ?

 

Non se ne verrà mai fuori .

Allora è meglio : ma fate quel che vi pare l'importante che non rompete i koglyoni alla Juve ?



#4 Francesco_D

Francesco_D

    Allievi

  • Utenti
  • StellettaStellettaStelletta
  • 422 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 07 febbraio 2019 - 15:58

Ogni tendenza, psicologica o politica, suscettibile di assurgere a teoria o di esser legittimata dalla legge, che, fondandosi sulla presunta superiorità di una razza sulle altre o su di un'altra, favorisca o determini discriminazioni sociali o addirittura genocidio.
  • ESTENS.
    Qualsiasi discriminazione esacerbata a danno di individui e categorie.


#5 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 137375 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 08 febbraio 2019 - 08:14

La Stampa

 

sNXKdMV.png






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi