Vai al contenuto

Benvenuti sul nostro Forum!

Accedi o Registrati per avere pieno accesso alla nostra community bianconera.

Foto
- - - - -

Come » Dura La Salita, In Gioco Cí» La Vita, Di G. Galazzo

pantani gazzetta infamie

  • Per cortesia connettiti per rispondere
9 risposte a questa discussione

#1 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 151682 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 16 marzo 2016 - 09:05

Come è dura la salita, in gioco c’è la vita

 

pantani.jpg

 

di G. Galazzo

 

Il Gianni nazionale ritrovò la strada del successo, riassumendo in questo ritornello di una sua canzone la sua voglia di rivalsa.
Marco Pantani la salita, quella reale, quella che s’inerpica dietro una curva a sollevare il manto della strada, l’amava davvero.
Amava la sofferenza che i muscoli provano ad ogni sforzo che richiedono i pedali per difendersi dalle pendenze dell’asfalto e Marco, il pirata, non aveva paura di quella sofferenza, non temeva quelle pendenze.
Erano la sua lampada di Aladino, quelle salite, capaci di trasformare quell’esile ragazzo nel re delle montagne, il gigante della gioia di saper soffrire, di voler soffrire ed arrivare per primo, lassù, quasi a toccare il cielo con i pedali.
Era bello come quello di un bambino felice quel suo sguardo quando alzava le mani al cielo: non potevi non amare Marco Pantani, il campione che non era un robot, il campione che aveva battuto l’avversario più infimo, la sfortuna.
E purtroppo non lo era un robot, purtroppo quel campione era sempre quel ragazzo esile, purtroppo la salita, quella con cui ti giochi la vita, era più dura del Mortirolo ; le gambe e i muscoli erano più forti di quanto lo fosse la testa.
Ora si parla di complotti, prima ancora di uno strano suicidio; non lo so cosa ci sia di vero, quali siano state le spinte che abbiano fatto crollare l’uomo, come un campione alle prese con una crisi di fame a metà salita.
E’ più che probabile che tutto si risolva in un fuoco di paglia, tanto ormai da anni il ragazzo fragile è un campione lassù, oltre quel cielo che quasi toccava con i pedali.
Con un però: la smettano certi giornali di celebrarne il ricordo, la finiscano di chiedere luce su quanto accaduto, evitino di ricordarne le imprese: perché ci sarà sempre qualcuno di noi che non dimenticherà chi lo ha lasciato per terra, chi, anziché porgergli la mano, gli ha tirato fango, chi lo isolato nel giocarsi la vita.
Abbiate quanto meno la decenza di nascondere la vostra colpevole vergogna nel silenzio; la Rosa si sa…. E’ piena di spine.

 

http://www.giulemani...lio.asp?id=4655

 



#2 SHOVELHEAD

SHOVELHEAD

    Prima Squadra

  • In registrazione
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4800 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 16 marzo 2016 - 10:26

Grazie!!!!



#3 cirillo

cirillo

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1523 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Marche
  • Interessi:Appassionato di Lirica

Inviato 16 marzo 2016 - 12:04

.

Ma io rivedo ogni volta la scena di quel giorno, con un nugolo di carabinieri intorno a Marco, come se fosse stato un capo mafia,  per informazione, vorrei dire che fermato per ematocrito alto, (questo il motivo per cui fermarono Marco, perché il massimo era 50, mentre lui risultava 51, 2), non sarebbe incappato in nessuna squalifica ma solo 15 giorni di sospensione, questo prevedeva (non so se lo preveda ancora) il documento firmato dai corridori a salvaguardia della salute.

Dopo, (è qui chi ha scritto l'articolo è stato bravo) è stato lasciato solo, gli avvoltoi che quando andava tutto bene l'ho hanno scaricato, nessuno gli è stato vicino, per aiutarlo in quel momento difficile, e il suo carattere, forte sulla bici, ma debole nella vita non ha superato l'ostacolo, come tanti si è rifugiato nella droga ed è stato il declino fino alla morte.



#4 marcolanc

marcolanc

    Squadrista, Rancoroso, Ultrŗ, Tifoso di Serie C

  • Coordinatore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 41680 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Bourgogne

Inviato 16 marzo 2016 - 12:20

Pantani, come tanti prima e dopo di lui, fu "il mostro": quello messo alla berlina e trattato come il peggiore dei delinquenti. Come Gianluca, neanch'io ho la minima idea di come andarono le cose (e sinceramente a questo punto mi interessa poco, anche se comprendo la sofferenza dei familiari che invece vorrebbero proseguire indagini e processi), ma ricordo bene quale fu il vero motivo del suo crollo: la condanna mediatica senza appello da parte di un sistema ipocrita che si era servito di lui (come di tutti gli altri ciclisti) fino al giorno prima.
Perché nel ciclismo, almeno fino ad allora (poi non so, perché ho smesso di seguirlo...), l'unica regola era quella della ipocrisia, per la quale tutti si professavano "puliti" e condannavano pubblicamente il malcapitato trovato positivo all'antidoping o con valori di ematocrito troppo alti, lasciandolo completamente solo. Marco pagò il prezzo più caro, purtroppo, perché era il più forte sui pedali, ma il più debole senza la bicicletta. Spero che almeno adesso, dopo la salita così dura che ha dovuto scalare, possa riposare in pace.

#5 iena

iena

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12194 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 16 marzo 2016 - 13:18

Per quel Che vale: Mai piu' seguita una gara Di ciclismo.

Il re e' morto , tenetevi I giullari.

#6 tornadojuve

tornadojuve

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2041 messaggi

Inviato 16 marzo 2016 - 15:37

Ehm.. mi dispiace dirvi una cosa.. dai credete veramente che i ciclisti attuali e quelli di prima non si dopano tutti quanti?

Dai vi sfido ha non prendere nulla e fare quasi magari tre volte il giro del mondo contando le gare che fanno e gli allenamenti.. se non prendessero nulla le gare dovrebbero essere tutte corte.. e non credete quelli che dicono, ma in gruppo si fatica di meno.. in teoria sì ma in pratica no.. perché comunque devi pedalare lo stesso come quelli davanti altrimenti fai come gli scalatori che si staccano.. oppure, ma dai basta la cioccolata.. e sì come se l'organismo quando mandi giù subito è arrivato dove dovrebbe, su ci vuole tempo, mica è una macchina, infatti dicono che quando mangi un panino l'effetto lo fa due ore dopo, non subito, quindi i cacciatori del doping che lo sanno benissimo, fanno così chi vogliono prendono e chi non vogliono lasciano.. anche se ha magari il doping.. io non ci credo che sono puliti.. una piccola battuta perché io dico io per capire di un comico grandissimo trentino lui ha detto:

 

Guardavo il mitico ciclista De Gaul sotto un tremendo acquazzone che mangiava fresco una banana.. La famosa mitica tappa del Bondone.. dai non ditemi che non aveva preso nulla di nulla.. fresco come una rosa.. sotto l'acqua..  la frase è chiara..

 

Ciao



#7 6forever

6forever

    Giovanissimi

  • Utenti
  • StellettaStelletta
  • 284 messaggi

Inviato 16 marzo 2016 - 16:28

Grazie per questo ricordo del campione e dell'uomo.

Un ricordo personale: ero in Francia quando Marco trionfò nel tour. Per una settimana mi fermai per vedere gli arrivi delle tappe del Tour dovunque ci fosse un televisore; ricordo il pomeriggio delle Deux Alpes, quando arrivò in solitaria con quasi 10 minuti sul secondo: quando tagliò il traguardo tutti, italiani, francesi, tedeschi, americani, scoppiammo in un applauso spontaneo. Che bello essere italiani, che bello sentire che il ragazzo comune della provincia italiana diventava un grandissimo campione. Ecco perché adoravo Pantani. Quando tutti si scatenarono contro di lui lo difesi ogni volta che se ne parlava: non sopportavo che, in un mondo dove il doping è pratica diffusa, si additasse solo il migliore come se fosse un criminale. Neanche io ho più guardato una gara di ciclismo da allora. Nel 2006 compresi che questo modo di fare non valeva solo per Marco. Addio, grande piccolo italiano. Che la terra ti sia lieve e che la tua memoria sia lasciata finalmente in pace.


Messaggio modificato da 6forever, 16 marzo 2016 - 23:53


#8 gustavo

gustavo

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 31874 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 22 giugno 2016 - 11:24

Ci risiamo o forse nò ?

Ci risiamo con un altro gioco della vita ?

 

Spero prprio di nò .

La mia fiducia è che certi editorialisti non ci sono più .



#9 Milena

Milena

    Prima Squadra

  • Special Fantacalcio
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 64542 messaggi
  • Sesso:Femmina
  • Luogo:Potenza

Inviato 08 luglio 2018 - 21:05

vhEeXIi.jpg

 

yyxGrJh.jpg

 

ZcZc06C.jpg

 

 

 

2TxAyCY.jpg

 

cdWUnhQ.jpg



#10 Milena

Milena

    Prima Squadra

  • Special Fantacalcio
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 64542 messaggi
  • Sesso:Femmina
  • Luogo:Potenza

Inviato 08 luglio 2018 - 21:11

nOXdShs.jpg

 

P9Dnqvj.png

 

Alfk4K5.jpg







Anche taggato con pantani, gazzetta, infamie

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi