Vai al contenuto

Benvenuti sul nostro Forum!

Accedi o Registrati per avere pieno accesso alla nostra community bianconera.

Foto

Juventus - Malmoe, Martedý 16/09/2014 Ore 20,45 - Champions League

juventus malmoe champions league

  • Discussione bloccata Questa discussione è bloccata
261 risposte a questa discussione

#16 ONORE ALLA TRIADE

ONORE ALLA TRIADE

    GI┘ LE MANI DALLA JUVE!

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 69623 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Giulemani City
  • Interessi:JUVENTUS
    GIUleMANIdallaJUVE

Inviato 15 settembre 2014 - 22:51

Buffon; Caceres, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Marchisio, Pogba, Asamoah, Evra; Tevez, Llorente

#17 TRILLY

TRILLY

    Moggi e Giraudo, questa Ú la mia biade

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25355 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 15 settembre 2014 - 23:21

Marco chi ????

#18 andrea

andrea

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5396 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:CAGLIARI
  • Interessi:sport musica cinema Juventus e....medicina...fisiatria ortopedica

Inviato 16 settembre 2014 - 00:15

Forza Ragazzi...forza Juve!!! Vittoria indispensabile!!!FJ sciarpa: sciarpa: sciarpa: sciarpa:



#19 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 153596 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 16 settembre 2014 - 06:20

l’intervista
L’EX TECNICO BIANCONERO
Conte spinge le italiane
«Sì, possono fare strada»

Il c.t. lancia la Juve: «Ha esperienza
nelle coppe, può sfruttarla. La Roma
deve puntare a fare 12 punti: si può»
Ottimismo pure per l’Europa League
«L’Inter ha qualità. Napoli, ora credici»

 

Da un debutto all’altro: dopo Bari e Oslo,
la prima uscita europea in giacca e cravatta.
Antonio Conte è a San Pietroburgo con gli altri
c.t. Uefa per la due giorni che da stamattina
sarà dedicata alle conferenze tecniche post
Brasile 2014: analisi tecnico-tattica del Mondiale
e dintorni. «Ci sono colleghi top e il confronto
arricchisce sempre. Si fa esperienza».
Eccola, la parola chiave. Conte la ripeterà più e
più volte: anche per spiegare perché aspetta risposte
importanti dalla nostra stagione di coppe.

Comincia la «sua» Juve, stasera.
La vede in tv?

«È dura, c’è una cena ufficiale della Fifa: me
la faccio registrare. Domani sera invece, volo
permettendo, spero di essere a Roma-Cska».

Occhi da spettatore molto interessato.
«Da c.t. si diventa tifoso dei club, non solo
dell’Italia: la Nazionale ha solo da guadagnarci
se fanno strada. Il primo motivo è pratico:
doppio impegno campionato-Europa significa
più minuti da giocare, dunque più chance per
i giocatori di essere impiegati. Certe risposte si
danno giocando, non stando seduti in panchina».

E il secondo motivo?
«Più strada in Europa fanno i club, più esperienza
fanno i giocatori».

 

E nella sua Nazionale non c’è tanta gente che
ne abbia da vendere: basta contare, per i titolari
in Norvegia, le presenze europee con i club.

«È vero: giocare le coppe significa fare un
percorso, acquisire abitudine a giocare a certi
livelli che poi si porta in Nazionale. Un tempo
era così, negli anni scorsi invece è accaduto più
o meno il contrario: si finiva per fare esperienza
in azzurro. Mi piacerebbe che la tendenza
potesse cambiare di nuovo».

Va cambiata anche la tendenza a sottovalutare
l’Europa League?

«Di sicuro non ce lo possiamo permettere.
Anche in questo l’Atletico può essere un buon
esempio: l’aveva vinta anche prima che arrivasse
Simeone (2009-2010, ndr), e quell’esperienza
ha pesato molto dopo, al momento di
giocare in Champions».

La Champions per le nostre: un muro troppo
alto?

«Per potenzialità economiche, al momento
ci sono realtà molto distanti: un tempo eravamo
noi a prendere i giocatori degli altri, ora
vengono a rubarceli».

E allora perché la Juve spera comunque in
una buona Champions?

«Perché ha fatto esperienza: quarti di
Champions, semifinale di Europa League. Sono
cose che poi ti restano».

La Roma ha meno «vissuto» recente...
«Ma deve puntare a fare come il Napoli: girone
terribile e 12 punti. Dubito che per due
anni di fila si esca con 12 punti».

E in Europa League?
«Si può fare strada, a patto di crederci. Il
Napoli, persa la Champions, ha comunque il
dovere di pensare in grande. L’Inter ha alle
spalle un anno con Mazzarri e ha costruito
una squadra con gente di qualità, ma anche
forte fisicamente. La Fiorentina dovrà fare a
meno di Rossi per un po’, ma ha una base consolidata,
che non ha perso Cuadrado e guadagnato
Marin, un po’ sottovalutato. La chiave
per il Torino sarà gestire bene le energie fra
campionato e coppa: c’è Ventura per il quarto
anno, nessuno meglio di lui può sapere come
». Questione di esperienza, appunto.

 

pravda:



#20 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 153596 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 16 settembre 2014 - 06:26

Duemila giorni d’attesa
Tevez non ne può più
Ha vinto con lo United, non ha fatto gol con il City, non segna
in Champions dal 2009: per fare strada, la Juve ha bisogno di lui

L’astinenza è stata fin
troppo lunga, per tutti e due, e
nessuno ha voglia di sentirsi
dire che l’attesa in fondo è il
prolungamento del piacere.
Carlitos Tevez aspetta il ritorno
al gol in Champions League
da più di 5 anni. Era il 7 aprile
2009, Manchester United-Porto
finito 2-2: 1988 giorni, un
digiuno insopportabile per un
cannibale dell’area come lui.
Competizione indigesta anche
per la Juve: l’ultima volta che
ha alzato la coppa era il 22
maggio 1996, oltre 18 anni fa.
Tabù Tevez da quel 7 aprile
2009 non ha più segnato in
Champions. Con la Juve l’anno
scorso ebbe una grande occasione
con il Copenaghen,
quando si trovò solo davanti al
portiere. Era stato uno dei migliori
nel pomeriggio maledetto
di Istanbul, quando i sogni
bianconeri di grandeur s’impantanarono
nella neve. Ma
non è bastato per passare il
turno. E’ mancato il gol. Tevez
nel primo anno italiano ha fatto
centro in Supercoppa, è stato
il capocannoniere della Juve
in campionato (19 reti) ma
è rimasto sempre a secco in
Champions. Si è sbloccato in
Europa League, segnando nella
semifinale di andata con il
Benfica, ma neanche quello è
stato sufficiente per andare in
finale. Il bilancio generale di
Carlitos tra Champions e Europa
League è di 7 reti in 52
partite. Un rendimento che
non rende giustizia al suo talento.
Le coppe europee sono
un tabù: con il City non è mai
riuscito a fare gol. L’argentino
però sa come si vince la Coppa
più importante: l’ha sollevata
nel 2008 con lo United, battendo
il primo rigore nella finale
contro il Chelsea.
Valore aggiunto Tevez si rende
conto di aver reso meno di
ciò che vale, ma non molla.
“Carlitos per noi è un giocatore
fondamentale e lo ha dimostrato
in tutte le partite - ha
detto Giorgio Chiellini -, però
è il primo a non essere egoista
e non è interessato a segnare
lui, vuole vincere con la squadra.
Poi se comincia subito come
sabato in campionato, siamo
tutti più contenti». Vero,
ma questa Juve imbattibile A e ancora insicura in Europa
ha bisogno soprattutto dell’istinto
dell’Apache per trovare
una nuova identità.
Sulle orme di Zlatan Tevez e
la Juve vogliono cambiare pelle,
dimostrando di saper essere
grandi anche fuori dal giardino
della Serie A. Contro Chievo solo una traversa è riuscita
a fermare Carlitos, sabato
nel debutto allo Stadium
l’astinenza è durata meno 10 minuti. Non è stato solo gol, ma un messaggio per compagni: dobbiamo andare
oltre i nostri limiti. Carlitos
l’ha fatto, ha ignorato il dolore
alla gamba destra e ha dato
una lezione di coraggio e professionalità.
Tevez a 30 anni
sente di essere nella fase della
maturità: vuole tornare grande
in Europa con la Juve e riprendersi
la nazionale. Vuole
fare meglio dell’anno scorso,
perché lo scudetto non gli basta
più. Allegri lo aspettava Milan, invece si sono ritrovati
alla Juve. Quattro anni fa festeggiò il debutto rossonero
grazie alla doppietta di Ibrahimovic.
Tevez aveva già iniziato
il suo digiuno. Oggi, 1988
giorni dopo l’ultimo gol, Carlitos
spera si rompere il sortilegio
contro il club in cui Zlatan
è cresciuto. E poi chissà, magari
infranto il primo tabù vento cambierà per tutti. Anche
per la Juve in Champions.

 

pravda:

 

LO SPECIALISTA IL TECNICO NON HA MAI PERSO ALL’ESORDIO NEI GIRONI: DUE VITTORIE E DUE PARI. MA ALLA JUVE MANCA UN SORRISO IN AVVIO DAL 2008
Allegri avverte: «Attenti, il Malmoe è più in forma»

Asamoah al posto
di Pereyra. Vidal
può farcela per
sabato, Pirlo
prenota l’Atletico

 

«Abbiamo un girone all’apparenza
semplice, ma anche
l’anno scorso era così, poi
la Juve fu eliminata...», avverte
Max Allegri. «Il Malmoe è più
avanti di noi come condizione
fisica. Gli svedesi sono organizzati,
hanno velocità e forza,
servirà una gara attenta. In Europa,
in generale, i rischi sono
maggiori perché tutti giocano
solo per vincere: la competizione
è breve, c’è meno tattica, più
velocità e anche il tasso tecnico
è superiore a quello che solitamente
troviamo in campionato
». Detto questo, Max è uno
che pensa sempre positivo (2
vittorie e 2 pareggi nel debutto
nella fase a gironi col Milan), e
allora respinge l’etichetta di
Juve col mal d’Europa, «perché
siamo forti, la rosa è completa
e mi permetterà di gestire tutte
le competizioni. Credo sia possibile
entrare nei quarti: sappiamo
che è molto difficile vincere,
i primi 4-5 club hanno budget
clamorosi, però nel calcio
non c’è niente di proibitivo. Ho
ereditato un gruppo eccezionale,
ragazzi coscienti del fatto
che dopo tre anni di vittorie in
Italia siamo tutti attesi da una
stagione difficile: riconfermarsi
sarà durissima e magari non
basterà... Ho incassato la massima
disponibilità, abbiamo
iniziato benissimo, giocando
un bel calcio. La solidità difensiva?
E’ sempre stata la forza di
questa squadra, si arriva in
fondo se si ha la miglior difesa
». La Juve guarda avanti, ma
non vince all’esordio nei gironi
dal 2008: 1-0 allo Zenit (Del
Piero). Tabù da sfatare.
Barzagli a parte Stasera 3-
5-2: rispetto all’Udinese, Chiellini
al posto di Ogbonna, Asamoah
per lo squalificato Pereyra.
In attacco Tevez-Llorente.
Ieri Vidal si è sottoposto a
nuovi esami: potrebbe farcela
per il Milan. Pirlo sta spingendo:
si lavora per portarlo al
massimo con l’Atletico. Barzagli
si è allenato a parte, programma
mirato: niente Malmoe
,
insegue una maglia da titolare
contro il Milan.

 

pravda:



#21 Il gol di Cannavaro

Il gol di Cannavaro

    'sta ferita ancora sanguina!

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9200 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 16 settembre 2014 - 08:54

"Certe risposte si danno giocando, non stando seduti in panchina"......



#22 riccardomazzon

riccardomazzon

    Juve

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8153 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 16 settembre 2014 - 09:03

sciarpa:



#23 Red75

Red75

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4576 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Milano
  • Interessi:calcio
    Olimpia Milano / Boston Celtics
    Libri
    Foto

Inviato 16 settembre 2014 - 09:55

ora le responsabilità sono tutte sulle spalle dei giocatori....

 

 

vediamo............................



#24 pibienne

pibienne

    silenziate l'i****!

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17725 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 16 settembre 2014 - 11:39

la vinciamo...

 

cosa dice l'oracolo della Kapa?



#25 zorba

zorba

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12876 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Provincia di Latina

Inviato 16 settembre 2014 - 12:10

questa sera segna coso. Forse anche doppietta. Quindi fissa secca



#26 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 153596 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 16 settembre 2014 - 12:17

la vinciamo...

 

cosa dice l'oracolo della Kapa?

 

che perdiamo sicuramente



#27 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 153596 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 16 settembre 2014 - 12:55

è sempre successo contro le "piccole", fa cmq tristezza ...

 

34xqcfc.jpg

 

Tuttosport



#28 Milena

Milena

    Prima Squadra

  • Special Fantacalcio
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 64607 messaggi
  • Sesso:Femmina
  • Luogo:Potenza

Inviato 16 settembre 2014 - 12:58

Ah se solo abitassi più vicino..... wall:

 

Non mi perderei neanche una partita  :4225654y:



#29 NeoGTO

NeoGTO

    Tifoso squadrista rancoroso di Serie C

  • Moderatori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27040 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:ROMA
  • Interessi:Juve, Manga, Sport in generale, Cinema, Musica ma anche tanta altra roba

Inviato 16 settembre 2014 - 13:20

PREPARTITA

zjuve.png

 

 

Ricomincia il Sogno

Dopo il buon inizio di campionato, giunge, finalmente, anche l’esordio Europeo per la nuova Juventus di Massimiliano Allegri. Gli avversari di turno sono gli svedesi del Malmoe (squadra che lanciò Ibrahimovic) che mancavano dalla massima competizione continentale da ben 25 anni.
L’obiettivo, inutile dirlo, è riuscire a partire con il piede giusto contro una squadra tutt’altro che irresistibile (anche se le recenti figuracce contro le danesi Nordsjælland e Copenaghen sono ancora vive nelle menti dei tifosi bianconeri); “impresa” che alla Juve non riesce dal lontano 2008.

PROBABILE FORMAZIONE JUVENTUS (3-5-2)
Buffon; Cáceres, Bonucci, Ogbonna; Lichtsteiner, Pogba, Marchisio, Asamoah, Evra; Llorente, Tévez

PROBABILE FORMAZIONE MALMOE (4-4-2)
Olsen; Tinnerholm, Johansson, Helander, Konate; Thelin, Halsti, Adu, Forsberg; Eriksson, Rosenberg

INDISPONIBILI: Sempre out Marrone, Pirlo e Vidal (per quest’ultimo, possibile il rientro contro il Milan). Assenti anche Pereyra per squalifica e Barzagli per precauzione. Esce dall’infermeria e torna, quindi, arruolabile Giorgio Chiellini.

BALLOTTAGGI

DIFESA: Allegri confermerà ancora una volta, con ogni probabilità, l’ormai collaudata linea a 3 composta da Caceres, Bonucci ed Ogbonna. Poche possibilità per il rientrante Chiellini, anche se non è da escludere un suo ingresso a partita in corso. Tra i pali spazio ovviamente a Gigi Buffon.

CENTROCAMPO: Con Pirlo e Vidal ancora alle prese con i rispettivi infortuni e con Pereyra squalificato, sarà quasi certamente Asamoah ad aggregarsi agli insostituibili Marchisio e Pogba per un trio di centrocampo completamente inedito.

ESTERNI: Se da una parte la scelta di schierare Evra è quasi obbligata, dall’altra c’è un ballottaggio tra Romulo (l’unico neo-acquisto a non essere ancora riuscito ad esordire) e Lichtsteiner. Dovrebbe comunque spuntarla ancora il Treno Svizzero, parso in grande condizione in questo avvio di stagione.

ATTACCO: Nonostante un Coman voglioso di dimostrare le sue qualità anche in Europa, la coppia d’attacco dovrebbe essere composta ancora una volta dall’insostituibile Tevez (ancora alla ricerca del primo gol in Champions League con la maglia bianconera) e Fernando Llorente. Quasi certo l’impiego di Morata nel secondo tempo.

Forza Juve!!!

 

 

http://www.giulemani...lio.asp?id=3810



#30 ClaD

ClaD

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4668 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 16 settembre 2014 - 14:40

Ah se solo abitassi più vicino..... wall:

 

Non mi perderei neanche una partita  :4225654y:

 

A chi lo dici .... 







Anche taggato con juventus, malmoe, champions league

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi