Vai al contenuto

Benvenuti sul nostro Forum!

Accedi o Registrati per avere pieno accesso alla nostra community bianconera.

Foto
- - - - -

Intervista Di Antonio Conte Alla Gazzetta

conte gazzetta dello sport nazionale juventus

  • Per cortesia connettiti per rispondere
94 risposte a questa discussione

#31 SVPPB

SVPPB

    Strunz

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13686 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 28 agosto 2014 - 19:54

una risposta "pericolosamente" interpretabile . asd:
 
Il punto delle "polemiche" dell'ultimo mese non è tanto la perdita di un tecnico , o non solo , ma il segnale di discontinuità voluto dare , o non voluto evitare , dalla proprietà dall'arrivo di Conte. Un segnale di discontinuità e continuità (scusa il banale gioco di parole) allo stesso tempo con il periodo post 2006. Questo ha amareggiato ma non sorpreso. Amareggiato e sorpreso ha invece il florilegio di insulti , distingui moralistici , e accuse contraddittorie che il presunto popolo dei 14 milioni ha tributato ad un tecnico che solo aveva insufflato l'energia vitale al "cadavere post 2006" fino a far sperare nel grido liberatorio : " si può fare! " . Probabilmente eravamo in un film comico.
Vorrà dire che ce ne faremo una ragione . Difficile è invece non restare sorpresi dalle accuse rivolte , permettimi dai più , al tecnico . Colpevole di cosa? di non poter operare in un grande club? di dover fare le nozze con i fichi secchi ? di non dover sognare? ma dover rendere conto anche dell'uscita da una Europa League dei disperati mentre stava vincendo un campionato record? di non essere stato trattenuto ( e lo poteva fare alla grande) dalla proprietà ?
Tutto si può opinare ma è strano che anche nelle accuse qualcuno sia sempre " più uguale di altri" .
 
Quello che molti , moralisticamente mi si permetta , hanno trovato di colpevole in Conte è quello di essersi ricostruito in qualche modo . E nel modo più " stressante" possibile . Strano per uno descritto come " alla frutta" . Quello che non si permette in questo paese è che per combattere i talebani ti devi talebanizzare asd: . Ti devi   " sporcare" in qualche modo ; ed è lo stesso motivo per cui nessuna democrazia sa affrontare le crisi.
L'inglesissimo Churchill veniva "scongelato" quando i suoi moralissimi compaesani stavano finendo nel baratro e avevano bisogno di qualcuno che nel guano ci sapesse stare .
Ma del resto che anche Sciascia politico si beccò dagli italioti del mafioso è storia .
 
Il modello etico è Antigone guai a cambiarlo . Altrimenti alcuni che scrivono a Milano finirebbero disoccupati.


Applausi a scena aperta.

Da solo, come un c....retino ma te li sei meritati tutti.

P.s.: la parte "talebana" è da cornice

asdciao:

#32 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 153596 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 28 agosto 2014 - 19:57

una risposta "pericolosamente" interpretabile . asd:

 

Il punto delle "polemiche" dell'ultimo mese non è tanto la perdita di un tecnico , o non solo , ma il segnale di discontinuità voluto dare , o non voluto evitare , dalla proprietà dall'arrivo di Conte. Un segnale di discontinuità e continuità (scusa il banale gioco di parole) allo stesso tempo con il periodo post 2006. Questo ha amareggiato ma non sorpreso. Amareggiato e sorpreso ha invece il florilegio di insulti , distingui moralistici , e accuse contraddittorie che il presunto popolo dei 14 milioni ha tributato ad un tecnico che solo aveva insufflato l'energia vitale al "cadavere post 2006" fino a far sperare nel grido liberatorio : " si può fare! " . Probabilmente eravamo in un film comico.

Vorrà dire che ce ne faremo una ragione . Difficile è invece non restare sorpresi dalle accuse rivolte , permettimi dai più , al tecnico . Colpevole di cosa? di non poter operare in un grande club? di dover fare le nozze con i fichi secchi ? di non dover sognare? ma dover rendere conto anche dell'uscita da una Europa League dei disperati mentre stava vincendo un campionato record? di non essere stato trattenuto ( e lo poteva fare alla grande) dalla proprietà ?

Tutto si può opinare ma è strano che anche nelle accuse qualcuno sia sempre " più uguale di altri" .

 

Quello che molti , moralisticamente mi si permetta , hanno trovato di colpevole in Conte è quello di essersi ricostruito in qualche modo . E nel modo più " stressante" possibile . Strano per uno descritto come " alla frutta" . Quello che non si permette in questo paese è che per combattere i talebani ti devi talebanizzare asd: . Ti devi   " sporcare" in qualche modo ; ed è lo stesso motivo per cui nessuna democrazia sa affrontare le crisi.

L'inglesissimo Churchill veniva "scongelato" quando i suoi moralissimi compaesani stavano finendo nel baratro e avevano bisogno di qualcuno che nel guano ci sapesse stare .

Ma del resto che anche Sciascia politico si beccò dagli italioti del mafioso è storia .

 

Il modello etico è Antigone guai a cambiarlo . Altrimenti alcuni che scrivono a Milano finirebbero disoccupati.

 

complimenti!



#33 spinellone

spinellone

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4678 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 28 agosto 2014 - 20:32

Applausi a scena aperta.

Da solo, come un c....retino ma te li sei meritati tutti.

P.s.: la parte "talebana" è da cornice

asdciao:


Come minimo siamo in due ad applaudire.

#34 mastino

mastino

    Esordienti

  • Utenti
  • Stelletta
  • 19 messaggi

Inviato 28 agosto 2014 - 20:35

Quoto l ultimo intervento

Poi
Che Asa e Licht nn fossero due esterni puri, credo lo sapessimo no?
Licht è un terzino e in fase offensiva nel 352 nn mi è mai piaciuto.
Asa meglio ma in ogni caso si è vinto lo stesso anche per la pochezza del ns campionato e x il martello di Conte, quindi va bene così.
In europa però le ns lacune sono venute fuori ed abbiamo preso sonori schiaffi..
Me ne accorsi già nel doppio confronto con il bayern 2 anni fa... Non ci fecero quasi toccare palla e menomale che non affondarono... Una differenza tecnica e atletica imbarazzante..

Conte l ha visto e già l anno scorso nn era sicuro di rimanere... Soprattutto quando ha capito che la storiA dei 5 anni per tornare competitivi in europa era una balla. L unico top acquistato è stato Tevez e comincio a pensare che sia stata una congiunzione favorevole di eventi, sennò..... Tutti buoni giocatori, un paio di grandi intuizioni ( pogba e vidal) e poi?
Conte il suo valore aggiunto l ha messo... La proprietá quand'è che mette qualcosa a mo di investimento (senza chiederlo indietro), per finanziare sta squadra?
Se compr solo con i soldi delle cessioni, quindi di giocatori medi e scarsi, come si potenzia la squadra?

Ora con l uscita del napoli entrano 10 mln in più, perchè nn ci sono mai soldi?

L autofonanziamento completo è un utopia... Che elkann venda delle quote o la maggioranza a qualche magnate russo o arabo e ci tolga da questa situazione in cui per altro ha contribuito lui a metterci (farsopoli), altro che Conte traditore.
È solo un allenatore che fa la differenza e che, giustamente, è ambizioso.
Ai suoi tempi la juve era altro.
Grazie Antonio

#35 superciuck

superciuck

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5415 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Valle del Tarugo

Inviato 28 agosto 2014 - 20:37

una risposta "pericolosamente" interpretabile . asd:
 
Il punto delle "polemiche" dell'ultimo mese non è tanto la perdita di un tecnico , o non solo , ma il segnale di discontinuità voluto dare , o non voluto evitare , dalla proprietà dall'arrivo di Conte. Un segnale di discontinuità e continuità (scusa il banale gioco di parole) allo stesso tempo con il periodo post 2006. Questo ha amareggiato ma non sorpreso. Amareggiato e sorpreso ha invece il florilegio di insulti , distingui moralistici , e accuse contraddittorie che il presunto popolo dei 14 milioni ha tributato ad un tecnico che solo aveva insufflato l'energia vitale al "cadavere post 2006" fino a far sperare nel grido liberatorio : " si può fare! " . Probabilmente eravamo in un film comico.
Vorrà dire che ce ne faremo una ragione . Difficile è invece non restare sorpresi dalle accuse rivolte , permettimi dai più , al tecnico . Colpevole di cosa? di non poter operare in un grande club? di dover fare le nozze con i fichi secchi ? di non dover sognare? ma dover rendere conto anche dell'uscita da una Europa League dei disperati mentre stava vincendo un campionato record? di non essere stato trattenuto ( e lo poteva fare alla grande) dalla proprietà ?
Tutto si può opinare ma è strano che anche nelle accuse qualcuno sia sempre " più uguale di altri" .
 
Quello che molti , moralisticamente mi si permetta , hanno trovato di colpevole in Conte è quello di essersi ricostruito in qualche modo . E nel modo più " stressante" possibile . Strano per uno descritto come " alla frutta" . Quello che non si permette in questo paese è che per combattere i talebani ti devi talebanizzare asd: . Ti devi   " sporcare" in qualche modo ; ed è lo stesso motivo per cui nessuna democrazia sa affrontare le crisi.
L'inglesissimo Churchill veniva "scongelato" quando i suoi moralissimi compaesani stavano finendo nel baratro e avevano bisogno di qualcuno che nel guano ci sapesse stare .
Ma del resto che anche Sciascia politico si beccò dagli italioti del mafioso è storia .
 
Il modello etico è Antigone guai a cambiarlo . Altrimenti alcuni che scrivono a Milano finirebbero disoccupati.


Mi hai commosso, quando leggo certe cose mi sento più umano

#36 vivamontero

vivamontero

    Prima Squadra

  • Redattori
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8132 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 28 agosto 2014 - 22:16

una risposta "pericolosamente" interpretabile . asd:

 

Il punto delle "polemiche" dell'ultimo mese non è tanto la perdita di un tecnico , o non solo , ma il segnale di discontinuità voluto dare , o non voluto evitare , dalla proprietà dall'arrivo di Conte. Un segnale di discontinuità e continuità (scusa il banale gioco di parole) allo stesso tempo con il periodo post 2006. Questo ha amareggiato ma non sorpreso. Amareggiato e sorpreso ha invece il florilegio di insulti , distingui moralistici , e accuse contraddittorie che il presunto popolo dei 14 milioni ha tributato ad un tecnico che solo aveva insufflato l'energia vitale al "cadavere post 2006" fino a far sperare nel grido liberatorio : " si può fare! " . Probabilmente eravamo in un film comico.

Vorrà dire che ce ne faremo una ragione . Difficile è invece non restare sorpresi dalle accuse rivolte , permettimi dai più , al tecnico . Colpevole di cosa? di non poter operare in un grande club? di dover fare le nozze con i fichi secchi ? di non dover sognare? ma dover rendere conto anche dell'uscita da una Europa League dei disperati mentre stava vincendo un campionato record? di non essere stato trattenuto ( e lo poteva fare alla grande) dalla proprietà ?

Tutto si può opinare ma è strano che anche nelle accuse qualcuno sia sempre " più uguale di altri" .

 

Quello che molti , moralisticamente mi si permetta , hanno trovato di colpevole in Conte è quello di essersi ricostruito in qualche modo . E nel modo più " stressante" possibile . Strano per uno descritto come " alla frutta" . Quello che non si permette in questo paese è che per combattere i talebani ti devi talebanizzare asd: . Ti devi   " sporcare" in qualche modo ; ed è lo stesso motivo per cui nessuna democrazia sa affrontare le crisi.

L'inglesissimo Churchill veniva "scongelato" quando i suoi moralissimi compaesani stavano finendo nel baratro e avevano bisogno di qualcuno che nel guano ci sapesse stare .

Ma del resto che anche Sciascia politico si beccò dagli italioti del mafioso è storia .

 

Il modello etico è Antigone guai a cambiarlo . Altrimenti alcuni che scrivono a Milano finirebbero disoccupati.

stracomplimenti e stragrazie!!! :lode:



#37 Milena

Milena

    Prima Squadra

  • Special Fantacalcio
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 64607 messaggi
  • Sesso:Femmina
  • Luogo:Potenza

Inviato 28 agosto 2014 - 22:30

una risposta "pericolosamente" interpretabile . asd:

 

Il punto delle "polemiche" dell'ultimo mese non è tanto la perdita di un tecnico , o non solo , ma il segnale di discontinuità voluto dare , o non voluto evitare , dalla proprietà dall'arrivo di Conte. Un segnale di discontinuità e continuità (scusa il banale gioco di parole) allo stesso tempo con il periodo post 2006. Questo ha amareggiato ma non sorpreso. Amareggiato e sorpreso ha invece il florilegio di insulti , distingui moralistici , e accuse contraddittorie che il presunto popolo dei 14 milioni ha tributato ad un tecnico che solo aveva insufflato l'energia vitale al "cadavere post 2006" fino a far sperare nel grido liberatorio : " si può fare! " . Probabilmente eravamo in un film comico.

Vorrà dire che ce ne faremo una ragione . Difficile è invece non restare sorpresi dalle accuse rivolte , permettimi dai più , al tecnico . Colpevole di cosa? di non poter operare in un grande club? di dover fare le nozze con i fichi secchi ? di non dover sognare? ma dover rendere conto anche dell'uscita da una Europa League dei disperati mentre stava vincendo un campionato record? di non essere stato trattenuto ( e lo poteva fare alla grande) dalla proprietà ?

Tutto si può opinare ma è strano che anche nelle accuse qualcuno sia sempre " più uguale di altri" .

 

Quello che molti , moralisticamente mi si permetta , hanno trovato di colpevole in Conte è quello di essersi ricostruito in qualche modo . E nel modo più " stressante" possibile . Strano per uno descritto come " alla frutta" . Quello che non si permette in questo paese è che per combattere i talebani ti devi talebanizzare asd: . Ti devi   " sporcare" in qualche modo ; ed è lo stesso motivo per cui nessuna democrazia sa affrontare le crisi.

L'inglesissimo Churchill veniva "scongelato" quando i suoi moralissimi compaesani stavano finendo nel baratro e avevano bisogno di qualcuno che nel guano ci sapesse stare .

Ma del resto che anche Sciascia politico si beccò dagli italioti del mafioso è storia .

 

Il modello etico è Antigone guai a cambiarlo . Altrimenti alcuni che scrivono a Milano finirebbero disoccupati.

Complimenti.....anche se siamo in pochi a pensarla così non importa. Meglio essere impopolari ma avere il coraggio di manifestare le proprie idee :lode:  



#38 bibo63

bibo63

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3908 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 28 agosto 2014 - 23:14

Senza scomodare Antigone o Edipo, il mio parere e' che per difendere uno non si deve per forza vomitare sentenze sull'altro....
Conte è stato ed è un grande professionista e come tale si è comportato. Stop!!
Ma dire che ha fatto le nozze con i fichi secchi con Dirigenti che gli hanno portato Lich, Vidal, Vucinic, Pirlo, Pogba, Tevez, Llorente....gratis o per quattro soldi
Mi sembra oggettivamente ingeneroso.
Occhio a non talebanizzarsi al contrario......

#39 Milena

Milena

    Prima Squadra

  • Special Fantacalcio
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 64607 messaggi
  • Sesso:Femmina
  • Luogo:Potenza

Inviato 28 agosto 2014 - 23:22

Senza scomodare Antigone o Edipo, il mio parere e' che per difendere uno non si deve per forza vomitare sentenze sull'altro....
Conte è stato ed è un grande professionista e come tale si è comportato. Stop!!
Ma dire che ha fatto le nozze con i fichi secchi con Dirigenti che gli hanno portato Lich, Vidal, Vucinic, Pirlo, Pogba, Tevez, Llorente....gratis o per quattro soldi
Mi sembra oggettivamente ingeneroso.
Occhio a non talebanizzarsi al contrario......

Non credo si rivolgesse alla Dirigenza della Juve con l'espressione 'fichi secchi', ma alla figc......se non ho capito male  shifty:



#40 bibo63

bibo63

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3908 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 28 agosto 2014 - 23:26

Non credo si rivolgesse alla Dirigenza della Juve con l'espressione 'fichi secchi', ma alla figc......se non ho capito male  shifty:


Hai ragione e per questo mi scuso.
Ma tanti commenti per difendere Conte sparano sulla Società. Lo trovo ingiusto.
Hanno fatto tutti delle scelte "professionali"....

#41 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 153596 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 29 agosto 2014 - 06:40

Ecco la seconda parte

 

«Occhio a Inter e Viola»

Conte promuove le sfidanti
«Possono lottare per il titolo»
«Davanti c’è la Juve, poi Roma e Napoli, ma Mazzarri e Montella hanno tutto
per stupire. La Lazio ha una rosa importante. Il Milan? Se arriva Torres...»

 

Ogni settimana sarà lì, in tribuna, a osservare
i potenziali azzurri e le varie squadre
a caccia di uno scudetto che fino al prossimo
maggio sarà ancora suo. Antonio Conte è ormai
il primo tifoso della Serie A, serbatoio
principale della Nazionale,«con la quale, sono
convinto, sapremo toglierci delle belle
soddisfazioni». Il personale tour per i vari ritiri
è già iniziato, e durante l’anno proseguirà
con grande costanza. Il c.t. vuole osservare
da vicino l’atteggiamento generale e l’approccio
al lavoro dei candidati alla maglia azzurra.
Un confronto con tutti i tecnici per verificare
anche le qualità umane e morali degli
atleti, «perché nei momenti di difficoltà è
l’uomo vero che ti aiuta a venirne fuori, non
certo il talento tutto egoismo»
. E non sono
parole buttate lì, occhio ai comportamenti
con Conte, perché in Nazionale avranno cittadinanza
solo i professionisti a 360 gradi,
gente «degna di rappresentare uno dei Paesi
calcisticamente più prestigiosi del mondo. Di
fatto, solo il Brasile ci sta davanti con i suoi
cinque titoli iridati».

Antonio Conte, non crede però che il
nostro campionato abbia perso appeal,
che sia poco allenante anche per la Nazionale?

«A livello tattico siamo all’avanguardia,
l’organizzazione qui è ai massimi livelli, magari
c’è meno intensità, ma vincere in Italia
resta sempre difficilissimo».

Che campionato ci dobbiamo aspettare?
«Molto equilibrato, duro, come sempre».

La Juve resta la favorita numero uno?
«È sicuramente migliorata rispetto all’anno
scorso, parte davanti, certo
. In assenza di
sconvolgimenti dell’ultima ora
, va evidenziato
come sia stata ben rinforzata la rosa. I cosiddetti
titolari sono rimasti tutti, e parliamo
di una squadra che nella scorsa stagione ha
messo insieme 102 punti in campionato, arrivando
anche in semifinale di Europa League.
In più, appunto, sono arrivati giocatori bravi
e duttili come Pereyra, Romulo e Morata, senza
dimenticare la grande esperienza di Evra».

A proposito di esperienza, crede che
Buffon possa starle accanto a lungo anche
in Nazionale?

«Gigi è ancora oggi il portiere più forte del
nostro campionato. Lui e Handanovic sono un
gradino sopra a tutti. Buffon ha l’entusiasmo
di un ragazzino, lo stesso con il quale attende
per esempio ogni chiamata azzurra, nonostante
abbia vinto qualsiasi cosa. Ecco, è gente
così che voglio con me in Nazionale».

Le avversarie più pericolose per i campioni
d’Italia?

«La Roma ha fatto molto bene sul mercato e
viene da una stagione importante, sotto tutti i
punti di vista. Credo che a Garcia siano state
messe a disposizione parecchie soluzioni ora.
Quindi, c’è il Napoli, che dovrà superare alla
svelta la delusione per l’eliminazione in
Champions League. Peccato davvero per gli
azzurri, mi è spiaciuto molto».

E a ridosso delle prime della classe nell’ultima
stagione?

«Occhio all’Inter...».

 

Crede davvero nei nerazzurri?
«Sì, mi sembrano solidi. Hanno puntellato
ogni reparto con giocatori tosti, di nome, potenzialmente
decisivi. L’Inter potrebbe dare
realmente fastidio a tutti nella corsa al titolo».

Pensa a Vidic, M’Vila e Medel?
«Anche a Dodò e soprattutto a Osvaldo».

Non crede che manchi un pizzico di
fantasia in avanti?

«No, perché Palacio, Icardi e Osvaldo hanno
tutto a livello tecnico e tattico. Là davanti
ce n’è eccome di qualità. Ho lavorato per
esempio con Osvaldo: ragazzo serio e tecnicamente
completo; deve solo essere più cattivo
e concreto sotto porta, ma le qualità sono
tante.
Poi, in mezzo al campo l’Inter ha Kovacic,
altro potenziale top player. Mi piace il
croato, ha gamba, coraggio e buona tecnica.
Nella mia Juve sarebbe stato un ottimo interno,
sa strappare come pochi in serie A. Penso
che questa possa essere la stagione del
definitivo salto di qualità per lui. E fra i giovanissimi
mi incuriosisce Keita della Lazio, davvero
interessante il ragazzino (classe 1995,
ndr)».

E fra gli italiani?
«Mi aspetto l’esplosione di El Shaarawy e
Insigne».

Torniamo al discorso scudetto: il Milan?
«Penso che farà ancora qualcosa sul mercato,
quindi al momento sospenderei il giudizio.
Certo, se arrivasse Torres molte prospettive
cambierebbero. Lo spagnolo è devastante
a campo aperto, e credo che sarebbe perfetto
per il calcio che vuole attuare Pippo (Inzaghi,
ndr)».

C’è altro?
«Grande attenzione a Fiorentina e Lazio. I
viola giocano bene, hanno un grande allenatore
e sembrano poter trattenere anche Cuadrado.
Sapete tutti (sorride, ndr) quanto mi
piaccia il colombiano.
Sì, credo che la Fiorentina
possa essere un outsider importante nella
corsa scudetto. Non dimentichiamoci anche
di giocatori come Borja Valero e Aquilani, oltre
a Gomez naturalmente. Rossi? Gli ho detto
di non avere fretta di recuperare, perché spesso
ci si presenta in campo con un assetto generale
non perfetto e si finisce per farsi male in
altri punti del corpo. Se Pepito sta bene, sono
guai per le difese avversarie».

Infine, la Lazio?
«Sono stato a Formello, ho respirato un
buon clima e mi sembra che sia stata allestita
una rosa importante. Là davanti, Candreva,
Klose e Keita promettono scintille, ma anche
in mezzo al campo c’è gente di valore:
penso a Parolo e Biglia fra gli altri.
Insomma, credo proprio che saranno
queste sette squadre a giocarsi
le posizioni che contano».

 

pravda:



alla pravda: non hanno remore ...

 

«RIGORE, AMBIZIONE, SENTIMENTO»
COSI’ CONTE PUO’ RIALZARE L’ITALIA

 

Antonio Conte è passato dalla Gazzetta dello
Sport, come un primo ministro passa in
parlamento per illustrare il suo piano anticrisi.
Ci ha convinti. Abbiamo votato la fiducia al suo
progetto che potremmo riassumere in tre parole:
«Rigore, ambizione e sentimento». E vi spieghiamo
perché.
La tattica è il superfluo dei ricchi e il pane dei
poveri. In questa contingenza storica, senza talenti
esagerati, dopo due Mondiali disastrosi,
stiamo dalla parte dei poveri. Come l’Atletico
Madrid che deve combattere il galattico Real,
come la Costa Rica che ci ha mandati a casa,
dobbiamo aggrapparci a un’organizzazione
tattica rigorosa, per compensare il gap delle individualità.
Lo ha fatto anche Prandelli nei primo
biennio portando alla finale europea una
Nazionale inferiore a tante per valore assoluto.
Quando si è poveri, non si sperperano risorse.
Nessuno può permettersi di «pascolare» al di
fuori dell’utilità di uno schema condiviso, tutti
devono servire l’idea comune con il massimo
dello sforzo, senza ciondolare alla Balotelli.
Tutti devono sgobbare per la pagnotta tattica.
Chi non ci sta, è fuori. Non ci sono più intoccabili.
Dalla lista di domani potrebbe mancare
Mario, e vista la sua estate tribolata, sarebbe
perfino logico. L’appello di Conte all’intransigenza
sacchiana è una garanzia, così come lo
sono i suoi tre anni di maniacale applicazione
alla Juve. Il tour lampo nelle sedi dei club non è
pura opera di cortesia, è la tessitura di una ragnatela
di contatti che aiuteranno il c.t. a restare
in contatto con i suoi azzurri anche nei periodi
di vuoto della Nazionale e a tenere vivi i
concetti di gioco memorizzati a Coverciano.
Non si esce da una crisi con il solo rigore. I
tagli deprimono e avviliscono. Servono
anche progetti di prospettiva, investimenti
per ripartire, orizzonti da promettere.
E questa è la parte del piano di
Conte che più ci ha intrigato. L’Italia
partirà da un 352
molto juventino,
perché chi è caduto ha bisogno di una
balaustra cui appoggiarsi, ha voglia di
certezze. Ma, poi, preso coraggio, imparate
le conoscenze fondamentali, ci staccheremo
dalla balaustra e andremo oltre. Gli
esterni all’inizio saranno simili a Lichtsteiner,
ma un domani potranno assomigliare a Cuadrado.
L’orizzonte di tendenza è un ambizioso
334
con quattro giocolieri offensivi che, persa
palla, proveranno a riconquistarla subito là davanti,
mentre la difesa, invece di scappare indietro,
correrà in avanti per accorciare la squadra.
Una volta rimesso in piedi il malato, Conte
vuole trascinarlo subito in un salone di bellezza.
Puntiamo a un calcio di grande qualità e già
questo proposito è un primo passo verso la luce
in fondo al tunnel. Dalla crisi si esce puntando
sui giovani, ripetono gli analisti. Il calcio non fa
eccezione. L’idea di fare dell’Under 17, scarica
di impegni ufficiali, e più in generale delle giovanili
di Coverciano, una sorte di Silicon Valley
dove collaudare e brevettare le idee tattiche
per la Nazionale maggiore promette futuro e
toglie l’ansia della navigazione a vista.
E infine, non ultimo, il cuore. Antonio Conte,
per costituzione d’animo, ce ne ha sempre messo
tanto in tutte le sue cose. Se ci avete fatto
caso, tra le foto sulla Gazzetta di ieri, quella del
bacio del c.t. alla maglia azzurra era la meno
definita, perché recuperata da un filmato. Conte
ha baciato la maglia appena gliel’abbiamo
consegnata, prima di mettersi in posa per il fotografo.
È stato un gesto istintivo, quasi intimo,
non una sceneggiata da Ibrahimovic. Il c.t. pretenderà
lo stesso amore dai suoi giocatori. Per
questo Berardi, che un giorno schivò una convocazione
azzurra, non parte benissimo ai suoi
occhi. E neppure Pirlo, che aveva annunciato
l’addio. E si metterà male per Balotelli se, in
campo e fuori, non dimostrerà di essere profondamente
legato a quella maglia. Conte sceglierà
studiando l’anima più dei piedi, la disponibilità
più del talento. Dal mondiale
brasiliano ci siamo portati via un sospetto
non meno brutto dei risultati: che i nostri
ci abbiamo messo meno passione,
meno disperazione, meno voglia rispetto
a Costa Rica e Uruguay che
hanno sentito di più la responsabilità
della missione nazionale. Con Conte
sarà più difficile che accada. Anche per
questo il parlamento della Gazzetta ha votato
la fiducia.

 

da juventino non sarebbe mai successo ....



#42 TRILLY

TRILLY

    Moggi e Giraudo, questa la mia biade

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25355 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 29 agosto 2014 - 06:49

Se vuoi restare alla JUVE oggi, DEVI fare le nozze con i fichi secchi, ma DEVI vincere anche in Europa altrimenti ti cacciano.

Ora vediamo quello che ci dava dei "ladri" cosa riuscirà a fare !!!!

Vamos, muchacos, vamos

#43 Andj

Andj

    Con la juve nel cuore

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23714 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:3a stella a destra, poi dritto fino al 32
  • Interessi:Quasi tutti gli sport= Sportofilo (in particolare Atletica e Tennis), Birra (collezione circa 2000 bottiglie) , Viaggi, Film

Inviato 29 agosto 2014 - 08:41

Si può parlar male in casa dell'impiccato? Certamente no ma il nuovo corso del mister svela in pieno il suo smisurato ego.

 

 Il riferimento ad Asa e Licht non è casuale eppure ci ha vinto 3 scudetti. Lui voleva Quadrado e Sanchez? Impossibili da prender senza cessioni di big. Allora perchè non ripiegare su Berardi e Gabbiadini già nostri oppure coi giovani non si rischia? se lo ha fatto per Pogba avrebbe potuto farlo anche per loro e Coman. All'estero non si ha paura di mettere in campo i 18enni, in Italia si, a dimostrazione che il risultato è l'unica cosa che conta perchè da esso ne derivano tanti benefici, in primis quelli economici.

 

Condivido.



 


 

E la vedrò sempre come un rischio per i giocatori della JUVENTUS. E stop

 

Esattamente. Ora a tutte le convocazioni mi inca..erò come una bestia.



#44 nicola 79

nicola 79

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21767 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Interessi:topine,JUVENTUS e barricati vari

Inviato 29 agosto 2014 - 08:48

rotfl: rotfl:

ditemi che non ci sarà anche una terza parte,per favore!

#45 gildo75

gildo75

    Prima Squadra

  • Coordinatore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 32025 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 29 agosto 2014 - 09:03

La pravda: è di una ridicolaggine unica. Modalità #EmilioFedeOn







Anche taggato con conte, gazzetta dello sport, nazionale, juventus

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi