Vai al contenuto

Benvenuti sul nostro Forum!

Accedi o Registrati per avere pieno accesso alla nostra community bianconera.

Foto
- - - - -

Calcio O Chiacchiere? Di P. Cicconofri

abete prandelli italia vivai competenza

  • Per cortesia connettiti per rispondere
12 risposte a questa discussione

#1 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 146980 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 04 luglio 2014 - 08:00

Calcio o chiacchiere?

 

gameover.jpg

 

di P. Cicconofri

 

Il fallimento del calcio italiano è globale è va ben oltre l’uscita anticipata dal Mondiale. Il futuro di tre storiche società, ora militanti nel campionato di serie B, è in bilico: Siena, Brescia, Varese e Padova, entro il 18 luglio, giorno in cui si svolgerà il Consiglio Federale che esaminerà le iscrizioni, dovranno regolarizzare la loro posizione. Il rischio potrebbe essere doppio: partire con una penalizzazione o retrocedere nelle categorie inferiori, tanto che è già fissato un nuovo Consiglio Federale a fine luglio per gli eventuali ripescaggi. In Lega Pro la situazione non è migliore. A rischio ci sono il Padova, Pro Patria, Reggina e Grosseto.

E mentre sui notiziari sportivi impazza il toto CT come argomento di distrazione di massa, scopriamo che alla base della decadenza del movimento calcistico italiano, c’è la mancanza di talento delle nuove generazioni, quelle che avrebbero dovuto sostituire i Pirlo e i Buffon ed avviare l’avvicendamento necessario per rimanere paese di riferimento del calcio. Come spesso accade l’opinione pubblica se ne accorge dopo un fallimento, come se la situazione non fosse già abbastanza chiara. Le cause si individuano facilmente: l’Italia è ultima nella classifica dei giocatori formati nei club (i calciatori nella rosa di una squadra che hanno giocato per almeno tre stagioni nel club fra i 15 e i 21 anni). Nella maggior parte dei casi, i calciatori della primavera non sono integrati in prima squadra, ma mandati a crescere nelle provincie, dove finisco per marcire. Una differenza abissale con la cantera del Barcellona ad esempio, o con il settore giovanile dell’Ajax e del Bayern, dove si punta proprio a portare giocatori in prima squadra che si identificano con il club.
Pensate che solo di recente, il presidente del Napoli De Laurentiis, ha dichiarato che vorrebbe: "..in Serie A, la possibilità di utilizzare i calciatori extracomunitari senza vincoli, nè tetti….” e di “ concedere a chiunque la possibilità di andare a comprare all'estero anche extracomunitar…”. Con visioni diametralmente opposte tra club e Federazione sarà impossibile fare passai avanti in tal senso, ma aumenteranno sicuramente le contestazioni sulla linea da seguire. Il solito chiacchiericcio che blocca concretamente ogni possibilità di crescita, nascondendo l’incapacità di saper gestire i vivai, dove serve competenza, lungimiranza ed investimenti, non certamente solo una buona dialettica.

Ricordare poi i problemi legati all’impiantistica e alla violenza e il conseguente danno di immagine, dopo quanto successo nella finale di Coppa Italia a Roma, è fin troppo facile. Qualcosa deve necessariamente cambiare (da quanto tempo lo auspichiamo?), magari iniziando ad esaminare i problemi seri, senza perdere tempo dietro alla barzelletta della discriminazione territoriale applicabile solo a chi fa cori contro Napoli. Ad un mese dall’inizio del campionato siamo in alto mare; esiste solo una bozza d’intesa che prevede il Daspo di gruppo, l’inasprimento di tempi del divieto da stadio per chi è recidivo, ma anche una stretta sulle trasferte con una centralizzazione delle scelte: l’Osservatorio potrà dire la sua, ma toccherà al Ministro e al Viceministro prendere le decisioni coprendole politicamente. Alfano assicura che saranno pronti per l’inizio del campionato, ma prima deve arrivare l’approvazione del Governo e con molta probabilità la nuova stagione inizierà senza norme ad hoc malgrado le promesse. Ve la immaginate un’altra stagione con le multe comminate secondo la percezione degli ispettori federali inviati allo stadio?

E Mentre Abete ha iniziato il tiro al piccione addossando colpe a destra e a manca, l’etico Prandelli, dopo le polemiche seguite al suo ingaggio azzurro, firmerà per il Galatasaray. Il club russo ha messo sul piatto un contratto da 4,5 milioni più bonus in 3 anni: quale migliore stimolo per iniziare una nuova avventura?

Il finto rinnovamento della Figc inizia a prendere forma con la campagna elettorale che vedrebbe due schieramenti: i pro Tavecchio in odore di continuità e quelli contro che vorrebbero proporre una scelta alternativa con un candidato ideale. Galliani, Lotito, Cairo, Preziosi, da vecchie volpi, non hanno perso tempo e si sono ritrovati, nei giorni scorsi, per un maxi-vertice in Versilia: nei loro pensieri Tavecchio e Allegri come prossimo CT.

 

http://www.giulemani...lio.asp?id=3704



#2 riccardomazzon

riccardomazzon

    Juve

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8145 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 04 luglio 2014 - 08:04

E' un sondaggio, vero?

Secondo me la risposta giusta è: chiacchiere! :4225654y:

D'altra parte, questo è il paese delle chiacchiere e, anche in Europa, stiamo inaugurando il famoso "semestre delle chiacchiere". asd:

Sì, chiacchiere è la risposta giusta! :D


Messaggio modificato da riccardomazzon, 04 luglio 2014 - 08:05


#3 Manuju

Manuju

    Gaetano Scirea unico grande vero juventino. LA LEGGENDA

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20647 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Chatelineau
  • Interessi:DIFENDERE LA JUVE DAI LURIDI CHE LA INFANGANO

Inviato 06 luglio 2014 - 10:06

mi accodo a Riccardo!!! boh:



#4 Durbans

Durbans

    Palestina

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1119 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Provincia Bologna

Inviato 06 luglio 2014 - 10:42

Calcio o chiacchiere?

 

gameover.jpg

 

di P. Cicconofri

 

Il fallimento del calcio italiano è globale è va ben oltre l’uscita anticipata dal Mondiale. Il futuro di tre storiche società, ora militanti nel campionato di serie B, è in bilico: Siena, Brescia, Varese e Padova, entro il 18 luglio, giorno in cui si svolgerà il Consiglio Federale che esaminerà le iscrizioni, dovranno regolarizzare la loro posizione. Il rischio potrebbe essere doppio: partire con una penalizzazione o retrocedere nelle categorie inferiori, tanto che è già fissato un nuovo Consiglio Federale a fine luglio per gli eventuali ripescaggi. In Lega Pro la situazione non è migliore. A rischio ci sono il Padova, Pro Patria, Reggina e Grosseto.

E mentre sui notiziari sportivi impazza il toto CT come argomento di distrazione di massa, scopriamo che alla base della decadenza del movimento calcistico italiano, c’è la mancanza di talento delle nuove generazioni, quelle che avrebbero dovuto sostituire i Pirlo e i Buffon ed avviare l’avvicendamento necessario per rimanere paese di riferimento del calcio. Come spesso accade l’opinione pubblica se ne accorge dopo un fallimento, come se la situazione non fosse già abbastanza chiara. Le cause si individuano facilmente: l’Italia è ultima nella classifica dei giocatori formati nei club (i calciatori nella rosa di una squadra che hanno giocato per almeno tre stagioni nel club fra i 15 e i 21 anni). Nella maggior parte dei casi, i calciatori della primavera non sono integrati in prima squadra, ma mandati a crescere nelle provincie, dove finisco per marcire. Una differenza abissale con la cantera del Barcellona ad esempio, o con il settore giovanile dell’Ajax e del Bayern, dove si punta proprio a portare giocatori in prima squadra che si identificano con il club.
Pensate che solo di recente, il presidente del Napoli De Laurentiis, ha dichiarato che vorrebbe: "..in Serie A, la possibilità di utilizzare i calciatori extracomunitari senza vincoli, nè tetti….” e di “ concedere a chiunque la possibilità di andare a comprare all'estero anche extracomunitar…”. Con visioni diametralmente opposte tra club e Federazione sarà impossibile fare passai avanti in tal senso, ma aumenteranno sicuramente le contestazioni sulla linea da seguire. Il solito chiacchiericcio che blocca concretamente ogni possibilità di crescita, nascondendo l’incapacità di saper gestire i vivai, dove serve competenza, lungimiranza ed investimenti, non certamente solo una buona dialettica.

Ricordare poi i problemi legati all’impiantistica e alla violenza e il conseguente danno di immagine, dopo quanto successo nella finale di Coppa Italia a Roma, è fin troppo facile. Qualcosa deve necessariamente cambiare (da quanto tempo lo auspichiamo?), magari iniziando ad esaminare i problemi seri, senza perdere tempo dietro alla barzelletta della discriminazione territoriale applicabile solo a chi fa cori contro Napoli. Ad un mese dall’inizio del campionato siamo in alto mare; esiste solo una bozza d’intesa che prevede il Daspo di gruppo, l’inasprimento di tempi del divieto da stadio per chi è recidivo, ma anche una stretta sulle trasferte con una centralizzazione delle scelte: l’Osservatorio potrà dire la sua, ma toccherà al Ministro e al Viceministro prendere le decisioni coprendole politicamente. Alfano assicura che saranno pronti per l’inizio del campionato, ma prima deve arrivare l’approvazione del Governo e con molta probabilità la nuova stagione inizierà senza norme ad hoc malgrado le promesse. Ve la immaginate un’altra stagione con le multe comminate secondo la percezione degli ispettori federali inviati allo stadio?

E Mentre Abete ha iniziato il tiro al piccione addossando colpe a destra e a manca, l’etico Prandelli, dopo le polemiche seguite al suo ingaggio azzurro, firmerà per il Galatasaray. Il club russo ha messo sul piatto un contratto da 4,5 milioni più bonus in 3 anni: quale migliore stimolo per iniziare una nuova avventura?

Il finto rinnovamento della Figc inizia a prendere forma con la campagna elettorale che vedrebbe due schieramenti: i pro Tavecchio in odore di continuità e quelli contro che vorrebbero proporre una scelta alternativa con un candidato ideale. Galliani, Lotito, Cairo, Preziosi, da vecchie volpi, non hanno perso tempo e si sono ritrovati, nei giorni scorsi, per un maxi-vertice in Versilia: nei loro pensieri Tavecchio e Allegri come prossimo CT.

 

http://www.giulemani...lio.asp?id=3704

non sapevo che il Galatasaray si fosse iscritto alla federazione russa!!!!



#5 vilostra

vilostra

    Rancoroso serie C

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5706 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:abruzzo

Inviato 06 luglio 2014 - 14:12

Le chiacchiere vanno avanti dal 2006, anno di affondamento del calcio italiano.

Nessuno ha avuto l'ardire o il buon senso di fare o promuovere delle proposte innovative quali campionati per squadre B, un certo numero di under nella  distinta per ogni gara,incentivi per  le squadre giovanili alle quali va detinato una  percentuale del bueget  totale, corsi per allenatori delle giovanili, stadi di proprieta, beh qui c'è una pecora nera, contabilità chiara e trasparente dei bilanci, giustizia sportiva da riformare con pari dignità e valore tra accusa e difesa, insomma un bel pacco di cose da fare.

Si pensa invece solo ai soldi delle tv dimenticando il marketing, la lotta alla falsificazione, il riconoscimento  ed esportazione del brand...... Quasi quasi mi propongo, già ma chi mi vota? E torniamo al solito ritornello: il voto per mantenere il potere, così non si cambierà  mai altro che Corea, il Costarica ci ha dato un lezione non solo sul campo ma anche come organizzazione....4 milioni di abitanti, certo poche poltrone(!!??) :4225654y: :4225654y: rotfl: rotfl:



#6 paola

paola

    Kapa

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 146980 messaggi
  • Sesso:Femmina

Inviato 08 luglio 2014 - 14:27

Tra proroghe e deroghe il fallimento

 

stop(1).jpg

 

di P. Cicconofri

 

Il 31 agosto prenderà il via la nuova stagione calcistica ma i lavori sono in alto mare. Non c’è ancora il nome del successore di Giancarlo Abete. Mentre Albertini sembra volersi svincolare affermando che “con queste regole non si può governare”e pur non essendo ancora partita la volata finale di Tavecchio, che deve sciogliere le riserve sulla sua candidatura (non si voterà prima dell’11 agosto e la decisione dovrà essere presa entro il 27 luglio), nei prossimi giorni il consiglio direttivo della Lega Nazionale Dilettanti darà a Carlo Tavecchio un mandato esplorativo per la ricerca di una soluzione concordata e unitaria. Un’investitura bella e buona che porterà nell’immediato a diversi colloqui indicativi sulle preferenze degli elettori.

Non è stata ancora modificata la norma sulla discriminazione territoriale che tanto ha fatto discutere lo scorso anno e sono segnalati, in attesa delle classiche proroghe e deroghe, i soliti problemi dello stadio San Paolo di Napoli e al Sant’Elia di Cagliari. La Uefa aspetterà entro il 10 luglio affinchè sia regolarizzato un accordo scritto con il Comune che garantisca l'uso dell’ impianto per un anno intero per aprire le porte dello stadio al Napoli per il preliminare di Champions Legaue. Il Napoli rischia, come ogni anno, di dover disputare la champions a Palermo. Problema di mezza estate che con qualche deroga sarà superato nell’imminenza delle decisioni che contano. Idee di politica innovativa, dichiarazioni da protagonista di cinepanettone, ma concretamente De Laurentiis non riesce nemmeno a presentarsi nell’Europa delle grandi, con uno stadio che rispetti le minime condizioni richieste!

Sono ripresi i lavori per il Sant'Elia ma, a differenza di quanto ci si potesse aspettare, la capienza sarà portata a 12.000 entro agosto e quindi si dovrà chiedere una deroga per il mancato raggiungimento effettivo dei posti a sedere imposti dalla federazione (16.000). Da quanti anni sono concesse deroghe al Cagliari per problemi legati al suo stadio?

Il nuovo designatore per la seria A sarà Messina, per la serie B Farina e per la Lega Pro Rosetti. La nomina avrà la durata di un anno. Rosetti, il grande deluso, ha pagato a caro presso la decisione dell’estate 2011, quando lasciò dopo un anno l’incarico di designatore alla B per andare in Russia a ricoprire il ruolo di capo assoluto degli arbitri. Nicchi ha precisato che «Va premiato chi segue una strada interna. Ognuno
è libero di fare le scelte che vuole, ma deve sapere che l’Aia ha al suo interno tecnici capaci».

Al Brescia servono 4 milioni entro il 15 luglio per regolarizzare l’iscrizione per la prossima stagione Entro mercoledì Gino Corioni deve dire sì o no a Marco Bonometti, il presidente dell’Associazione Industriale Bresciana che guida la cordata interessata all’acquisto del Brescia. Salvare il Siena appare invece una situazione più complicata. Nonostante le dimissioni di Mezzaroma il problema è reperire i 7 milioni necessari a saldare tutte le pendenze ed il destino sembra essere in mano all’istituto MPS. Anche il Varese è in alto mare, senza i soldi, circa un milione e mezzo di euro, della fideiussione (800) ed i restanti necessari per pagare le ritenute Irpef di marzo e aprile, l’iscrizione rimane a rischio. Ricordiamo che in caso di una o due esclusioni non saranno effettuati ripescaggi, così come stabilito dall’assemblea dei club in primavera poi ratificato dalla Figc. Se saranno 3 le squadre che non riusciranno ad iscriversi, il Novara sarà ripescato.

Un bel caos insomma dove nulla sembra certo e definito. L’unica certezza è quella dell’incompetenza generale, a partire dai dirigenti degli Enti sportivi per finire ai presidenti delle società che sembrano incapaci di portare avanti un reale cambiamento necessario per la sopravvivenza di questo sport.

 

http://www.giulemani...lio.asp?id=3710



#7 egidio

egidio

    Allievi

  • Utenti
  • StellettaStellettaStelletta
  • 318 messaggi

Inviato 08 luglio 2014 - 15:14

Cara Paola direi che anche in questo caso come ovunque ormai in Italia manchi soprattutto la POLITICA nonostante il nuovo messia ed i due precedenti (non annovero quell'incapace di Berlusconi) piccoli messia il bocconiano (senatore a vita MONTI) ed il non si sa cosa (LETTA).

Purtroppo mi sto rassegnando a vedere questo paese scivolare sempre più nella miseria economica ed intellettuale salvo una piccola casta di ELETTI (non intendo solo i politici) ma tutto l'apparato burocratico ai sommi livelli.

Mi sembra di essere in Russia negli anni 90 (ero là per lavoro) e ad eccezzione di un piccolissimo 1% che viveva alla grande gli altri erano rassegnati alla fane ed alla miseria.



#8 vilostra

vilostra

    Rancoroso serie C

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5706 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:abruzzo

Inviato 08 luglio 2014 - 15:17

Non vedo come chi è stato complice incapace delle storture lamentate dalla Kapa nel suo eloquente  scritto possa essere capace, di punto in bianco, di rivoltare la Federazione come in calzino. Mi viene da pensare che anche Tavecchio non potesse non sapere, che mai l'ho sentito osteggiare Abete o fare proposte alternative. E si continua a far finta di nulla, a dormire, a prolungare i tempi nonostante le incombenze della nazionale a partire dalla prima settimana di settembre.

Unica soluzione un Commissario ad acta. Malagò faccia un discorso serio al Governo e si assuma questa responsabilità scegliendo una persona capace ed estranea sinora ai misfatti lamentati. Qualcuno che regga la baracca per almeno un anno in modo che siano fatte le riforme necessarie, anche qui è un mantra, mettendo da parte gli accordi dei soliti volpinidi che pur di mantenere potere badano solo a se stessi e non all'interesse nazionale, verità di farsopoli compresa.



#9 gustavo

gustavo

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 29936 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 08 luglio 2014 - 15:20

Non vedo come chi è stato complice incapace delle storture lamentate dalla Kapa nel suo eloquente  scritto possa essere capace, di punto in bianco, di rivoltare la Federazione come in calzino. Mi viene da pensare che anche Tavecchio non potesse non sapere, che mai l'ho sentito osteggiare Abete o fare proposte alternative. E si continua a far finta di nulla, a dormire, a prolungare i tempi nonostante le incombenze della nazionale a partire dalla prima settimana di settembre.

Unica soluzione un Commissario ad acta. Malagò faccia un discorso serio al Governo e si assuma questa responsabilità scegliendo una persona capace ed estranea sinora ai misfatti lamentati. Qualcuno che regga la baracca per almeno un anno in modo che siano fatte le riforme necessarie, anche qui è un mantra, mettendo da parte gli accordi dei soliti volpinidi che pur di mantenere potere badano solo a se stessi e non all'interesse nazionale, verità di farsopoli compresa.

 

Commissario ad acta ?

Peccato che Giraudo è destinato alla Ferrari .



#10 gustavo

gustavo

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 29936 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 08 luglio 2014 - 15:45

Barbara Berlusconi : " Si parli meno di tessere e più di idee.

Mi auguro che la Lega di Serie A proponga una candidatura unitaria.

Dal dibattito per la presidenza FIGC emergono dichiarazioni che ricordano i congressi della DC della Prima Repubblica " .

 

Premesso che sotto la DC , suo padre ha creato un impero, l'Itaglia vinceva mondiali, e nessuno si impiccava perchè senza lavoro

a Lampedusa si andava a pescare cernie, mi piacerebbe sapere, lei che adesso ha 30 anni, e allora 7-8, chi gli imboccato stè kazzate ? 



#11 gustavo

gustavo

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 29936 messaggi
  • Sesso:Maschio

Inviato 08 luglio 2014 - 15:52

P.S. - Il giorno in cui Quello sopra di tutti ha distribuito il Cervello, molte non cerano .

Il giorno dopo, in un'altra riunione, ha consegnato la f*** . A quelle che erano assenti il giorno prima  

ha dato loro anche il cervello . Queste vedendo le altre mettere la f*** trà la gambe

hanno messo in quel posto tutto : anche il cervello .



#12 aguidot

aguidot

    Prima Squadra

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3561 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:Nowhere
  • Interessi:Passivi

Inviato 08 luglio 2014 - 16:59

P.S. - Il giorno in cui Quello sopra di tutti ha distribuito il Cervello, molte non cerano .

Il giorno dopo, in un'altra riunione, ha consegnato la f*** . A quelle che erano assenti il giorno prima  

ha dato loro anche il cervello . Queste vedendo le altre mettere la f*** trà la gambe

hanno messo in quel posto tutto : anche il cervello .

rotfl:  rotfl: rotfl:  



#13 vilostra

vilostra

    Rancoroso serie C

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5706 messaggi
  • Sesso:Maschio
  • Luogo:abruzzo

Inviato 08 luglio 2014 - 17:18

P.S. - Il giorno in cui Quello sopra di tutti ha distribuito il Cervello, molte non cerano .

Il giorno dopo, in un'altra riunione, ha consegnato la f*** . A quelle che erano assenti il giorno prima  

ha dato loro anche il cervello . Queste vedendo le altre mettere la f*** trà la gambe

hanno messo in quel posto tutto : anche il cervello .

 

 

Che sfiga!!!! ;P







Anche taggato con abete, prandelli, italia, vivai, competenza

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi